Coronavirus: Consulenti lavoro, 7 mln e 810mila lavoratori 'bloccati' a casa da decreto

lavoro

Coronavirus: Consulenti lavoro, 7 mln e 810mila lavoratori 'bloccati' a casa da decreto

25.03.2020 - 15:15

0

Roma, 25 mar. (Labitalia) - Sale a 7 milioni 810 mila il numero dei lavoratori italiani interessati dal blocco delle attività previsto dal Dpcm 22 marzo 2020: rispetto al primo provvedimento adottato l’11 marzo, che aveva interessato principalmente commercio e servizi, la platea degli occupati che da oggi 25 marzo si ritrova a casa per decreto aumenta sensibilmente, di 5 milioni 8 mila unità. E' quanto emerge da una elaborazione della Fondazione studi dei consulenti del lavoro.

Dopo l’ulteriore stretta del governo, la fotografia del lavoro ai tempi dell’emergenza Covid-19 vede il 34,8% del totale degli occupati a casa, a seguito del blocco dell’attività, il 27,2% occupato in settori destinati all’erogazione di servizi essenziali (complessivamente 6 milioni 118 mila) e il 38% occupato in settori potenzialmente ancora in attività, in quanto non soggetti a blocco delle attività (8 milioni 522 mila lavoratori). La chiusura delle attività prevista dall’ultimo decreto ha riguardato, come noto, principalmente le attività industriali.

Complessivamente, su 100 lavoratori interessati dai provvedimenti (11 e 22 marzo), il 46,2% è occupato nel manifatturiero (3,6 milioni di lavoratori) e il 53,1% nei servizi (4,1 milioni di lavoratori). Calcolando il livello di blocco, l’industria lascia complessivamente a casa 6 lavoratori su 10 (59,6% della forza lavoro), mentre per i servizi, il blocco interessa poco più di un quarto dei lavoratori (26,7%).

Tra i settori industriali maggiormente interessati dai provvedimenti vi è la fabbricazione dei prodotti in metallo: settore traino del Paese, è quello con il maggiore impatto occupazionale, con 574 mila lavoratori a casa, pari al 7,4% del totale di quelli interessati dal provvedimento. Seguono: fabbricazione di macchinari (431 mila occupati), di autoveicoli (212 mila) e il metallurgico (191 mila). Senza contare l’impatto del blocco dei cantieri: tra costruzioni di edifici e lavori specializzati, l’edilizia lascia a casa 862 mila lavoratori, pari all’11,1% di quelli interessati dal provvedimento.

Ma la maggior parte dei lavoratori che restano a casa è occupato nei servizi. Dei 4,1 milioni di lavoratori interessati dai provvedimenti, 1,1 sono addetti alla ristorazione (14,9% del totale), settore inattivo dall’11 marzo. Segue il commercio, al dettaglio (961 mila occupati a casa, pari al 12,3%) e all’ingrosso (429 mila): una chiusura che in questo caso è parziale (interessa circa la metà degli occupati del settore) con molte attività che restano aperte, come supermercati, alimentari, farmacie. Rilevante è anche l’impatto occupazionale della chiusura delle attività di servizio alla persona, tra cui centri estetici, parrucchieri, dove sono più di 395 mila i lavoratori che restano a casa.

Complessivamente, su 100 lavoratori bloccati dal decreto, 56 sono al Nord (20,6% in Lombardia), 20 al Centro e 24 al Sud. La differente geografia economica e produttiva determina anche una diversità importante tra le regioni in termini di impatto occupazionale. Le Marche, regione a forte vocazione manifatturiera proprio nei settori interessati dal decreto, è in assoluto quella con la più alta quota di lavoratori che restano a casa: 43 su 100 contro una media italiana del 34,8%. Seguono Veneto (39,8%), Piemonte (37,8%), Lombardia (37,5%), a cui va però aggiunto l’effetto delle ordinanze regionali, ed Emilia Romagna (37,4%). Al Centro (33,1%) e al Sud (31,2%) l’impatto occupazionale dei provvedimenti è più basso, con regioni come Lazio e Sicilia dove il blocco delle attività interessa circa un lavoratore su quattro, rispettivamente il 27,4% e 27,2%.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Coronavirus, l'immunologo della Task Force Usa anticipa altra epidemia in autunno

Coronavirus, l'immunologo della Task Force Usa anticipa altra epidemia in autunno

(Agenzia Vista) Washignton, 31 marzo 2020 Coronavirus, l'immunologo della Task Force Usa anticipa altra epidemia in autunno Il principale esperto di malattie infettive negli Stati Uniti, Anthony Fauci, ha detto che prevede che la nazione subirà un altro focolaio di coronavirus in autunno. "In effetti, anticipo che ciò potrebbe effettivamente accadere a causa del grado di trasmissibilità", ha ...

 
Coronavirus, a Oxford si studia un test rapido per il Covid-19

Coronavirus, a Oxford si studia un test rapido per il Covid-19

Oxford, 31 mar. (askanews) - Un team di ricercatori dell'Università di Oxford, nel Regno Unito, sta lavorando per testare e far produrre su larga scala un test rapido per la ricerca del coronavirus Sars-Cov2 in pazienti potenzialmente affetti da Covid-19. Si tratta di un test, basato sulla tecnica LAMP (Loop-mediated isothermal AMPlification) messa a punto in Giappone nei primi anni 2000, in ...

 
Coronavirus, la reunion dei Backstreet Boys: cantano “I Want It That Way” da casa
SOCIAL

La reunion dei Backstreet Boys: cantano “I Want It That Way” da casa

Concerto live, ma rigorosamente da casa, dei Backstreet Boys. Una reunion spettacolare incentrata sull'iconica “I Want It That Way” con la quale hanno partecipato al progetto americano "I Heart Living Room Concert For America": iniziativa messa in piedi per alzare il morale delle persone, durante il periodo della quarantena per il Coronavirus. I Backstreet Boys cantano dal salotto di casa, alcuni ...

 
Coronavirus, positivo vicario del Papa di Roma card. De Donatis

Coronavirus, positivo vicario del Papa di Roma card. De Donatis

Roma, 31 mar. (askanews) - Il cardinale Angelo De Donatis, vicario del Papa per la diocesi di Roma, è risultato positivo al coronavirus. E' il primo porporato ad essere contagiato dal Covid-19. Il cardinale ha la febbre, ma le sue condizioni generali sono buone, e ha iniziato una terapia antivirale. Si trova all'Ospedale Gemelli e i suoi più stretti collaboratori sono in autoisolamento in via ...

 
Coronavirus, la reunion dei Backstreet Boys: cantano “I Want It That Way” da casa

SOCIAL

La reunion dei Backstreet Boys: cantano “I Want It That Way” da casa

Concerto live, ma rigorosamente da casa, dei Backstreet Boys. Una reunion spettacolare incentrata sull'iconica “I Want It That Way” con la quale hanno partecipato al progetto ...

31.03.2020

Don Matteo 13, l'idea di Terence Hill per la nuova stagione della fiction girata in Umbria. Cosa può cambiare

Televisione

Don Matteo 13, l'idea di Terence Hill per la nuova stagione della fiction girata in Umbria. Cosa può cambiare

Don Matteo 13, la nuova stagione della fiction girata in Umbria si farà. Rivedremo in Rai, sul piccolo schermo, il popolare parroco di Spoleto interpretato da Terence Hill. ...

31.03.2020

Grande Fratello vip 4, lo sfogo di Teresanna Pugliese nella notte: "Quanta ipocrisia nella Casa" Video

Reality

Grande Fratello vip 4, lo sfogo di Teresanna Pugliese nella notte: "Quanta ipocrisia nella Casa" Video

Grande Fratello Vip 4 verso la conclusione dell'8 aprile. In attesa della puntata di domani, 1 aprile 2020 in onda su Canale 5, nella notte Teresanna Pugliese, si confida ...

31.03.2020