Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Revisione abuso d'ufficio, Decaro (Anci): "Governo e Parlamento possono dare tempi certi alla riforma"

  • a
  • a
  • a

Intervenendo all'Assemblea annuale dell'Anci per la prima volta da presidente del Consiglio, Giorgia Meloni ha chiesto ai sindaci di essere "alleati del governo" e annuncia la revisione di alcuni reati contro la pubblica amministrazione, a partire dall’abuso d’ ufficio, perché "non possiamo arrenderci alla paura della firma che inchioda una Nazione che invece ha un disperato bisogno di correre e di liberare energie". 

 

 

"Sull’abuso d’ ufficio, e più in generale sulla tutela degli amministratori pubblici, manterremo la parola data ai sindaci in occasione dell’assemblea Anci". Così il ministro per la Pubblica amministrazione, Paolo Zangrillo, che alla plenaria di Bergamo ha annunciato l’intenzione di avviare una interlocuzione con tutti i soggetti competenti per far sì che la funzione dei Sindaci e degli Amministratori sia correttamente tutelata. "La revisione della norma dell’ abuso d’ ufficio rappresenta una priorità tanto più ora che il Pnrr sta passando dalla progettazione alla fase dell’attuazione - sottolinea Zangrillo - Gli amministratori devono essere messi nelle condizioni di assumere decisioni e agire in tempi rapidi per promuovere la crescita e disarcionare la burocrazia difensiva per il bene pubblico". 

 

 

"Non credo che ci sia un collegamento diretto con il Pnrr, che ha altri problemi urgenti da risolvere. Comunque governo e parlamento, se vogliono e hanno la volontà politica, possono dare tempi certi a questa riforma". Lo dice all’Adnkronos il sindaco di Bari e presidente dell’Anci Antonio Decaro, a proposito della riforma del reato di abuso di ufficio per i primi cittadini, dopo la disponibilità alle modifiche giunte dal ministro della Giustizia Carlo Nordio, tramite alcune interviste, e dal presidente del consiglio Giorgia Meloni a Bergamo durante l’assemblea dell’associazione nazionale Comuni italiani conclusasi ieri.