Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Caro bollette, Coldiretti-Censis: forno spento per un italiano su due

Esplora:

Christian Campigli
  • a
  • a
  • a

Un rally speculativo che non conosce sosta. Aumenti fuori controllo, che stanno mettendo in crisi migliaia di aziende. E stanno cambiando le abitudini, anche quelle più semplici e consolidate, delle famiglie italiani. Metà dei nostri connazionali ha deciso di ridurre o rinunciare all’uso del forno elettrico e il 35% ha tagliato l’utilizzo dei fornelli a gas per contenere i consumi energetici e pagare meno in bolletta. Sono dati sconvolgenti quelli che emergono dal primo rapporto Coldiretti e CensisGli italiani e il cibo nelle crisi e oltre” presentato questa mattina in occasione del XX Forum Internazionale dell’agricoltura e dell’alimentazione a Villa Miani a Roma e reso noto dall'agenzia di stampa AdnKronos.

 

 

L’allarme per la guerra energetica legata al conflitto in Ucraina, con gli appelli delle istituzioni alla riduzione dei consumi di gas ed elettricità e il prevedibile rincaro delle bollette con l’arrivo della stagione fredda dopo mesi di clima temperato hanno fatto breccia nella quotidianità degli italiani. La rinuncia alla cottura dei cibi colpisce soprattutto le famiglie a basso reddito che nel 54% dei casi hanno ridotto o eliminato l’utilizzo del forno elettrico, rispetto al 32% dei redditi alti, mentre il 51% ha ridotto o rinunciato all’utilizzo della cucina con fornelli a gas, contro il 25% dei redditi alti. Ma i tagli tra le mura domestiche non finiscono qui.

 

 

Ben il 55% degli italiani - secondo l’indagine Coldiretti e Censis - dichiara di ridurre anche il ricorso a termosifoni o stufe elettriche. Si fa comunque più attenzione all’intera gestione casalinga della vita quotidiana, dall’uso del ferro da stiro, diminuito dal 45% dei cittadini, all’asciugacapelli, cui ha rinunciato il 33%. Ma oltre a vestiti stirati e messa in piega si taglia anche sulla pulizia di casa, con il 38% che utilizza di meno l’aspirapolvere e il 40% che cerca di fare a meno persino della lavatrice. Numeri sconvolgenti, che evidenziano la necessità di risolvere, politicamente, al più presto uno dei principali problemi economici dei nostri concittadini: il caro bollette.