Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Mihajlovic esonerato dal Bologna. Al suo posto c'è in pole Thiago Motta

  • a
  • a
  • a

Il Bologna ha esonerato Sinisa Mihajlovic. L'allenatore serbo, 53 anni, si era seduta sulla panchina felsinea nel gennaio 2019, proprio l'anno in cui ha scoperto di aver sviluppato la leucemia. Mihajlovic però prese di petto la malattia riuscendo a tornare ad allenare dopo 44 giorni superando momenti difficili, aiutato anche dal club rossoblu e dai suoi tifosi. Dopo tre stagioni e mezzo - in cui il Bologna ha sempre conquistato salvezze tranquille - arriva l'esonero. In questo inizio di campionato la squadra rossoblu dopo cinque partite non aveva ancora vinto collezionando solo tre pareggi (sedicesimo posto in classifica), punti ottenuti grazie ai cinque gol di Arnautovic.

 

 

La decisione è arrivata alla fine di un vertice tra i dirigenti del Bologna e lo stesso Mihajlovic svoltosi proprio nella casa romana del tecnico. Presenti l'amministratore delegato Fenucci, il direttore tecnico Sartori e quello sportivo Di Vaio. Le dimissioni non sono arrivate e così il club ha deciso per sollevare il tecnico serbo dall'incarico (aveva un contratto sino al prossimo giugno). Per prendere il posto di Mihajlovic ci sarebbe in pole Thiago Motta che dovrebbe vincere la concorrenza di Paulo Sousa e De Zerbi.

 

 

Mihajlovic vanta una lunga carriera in Italia dopo essersi fatto conoscere, da giocatore, vincendo la Champions League con la mitica Stella Rossa di Belgrado. Poi due stagioni alla Roma, quattro alla Sampdoria, sei alla Lazio (scudetto, Coppa delle Coppe e Supercoppa Europea) e due all'Inter (scudetto). Da tecnico ha iniziato sulla panchina proprio del Bologna (già esonerato), quindi il Catania, la Fiorentina (esonerato nella seconda stagione), la Sampdoria (con cui colse il settimo posto, suo miglior piazzamento in Serie A), il Milan (esonerato), il Torino (esonerato nella seconda stagione). Quindi una fugace esperienza allo Sporting Lisbona (viene sollevato dall'incarico dopo nove giorni) e quindi Bologna (subentra a gennaio cogliendo il miglior piazzamento, il decimo, delle sue stagioni in rossoblu).

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Sinisa Mihajlovic (@sinisamihajlovic_)