Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Meteo, in Italia settimana rovente: quanto dura il caldo. Le zone con le temperature più alte

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Il grande caldo è tornato e quella che inizia oggi, lunedì 18 luglio, si prepara ad essere la settimana con le temperature più alte di tutta l'estate. E' in arrivo, infatti, l’anticiclone africano ribattezzato Apocalisse4800. Un nome, una garanzia, con moltissime città che si preparano a sfiorare e raggiungere anche i 40 gradi. L’anticiclone è stato così chiamato per la quota dello zero termico prevista appunto a 4800m, ovvero sulla cima d’Europa, sul Monte Bianco. Si raggiungerà una quasi totale stabilità dell’atmosfera.

 

 

Per tutti i prossimi sette giorni il sole sarà prevalente e il cielo si presenterà praticamente sereno su tutte le regioni. Da segnalare soltanto occasionali e piuttosto isolati brevi rovesci o rapidi temporali di calore lungo i confini alpini (soprattutto dell’Alto Adige, in Val Pusteria) e più raramente sugli Appennini centrali (specie in Abruzzo). Ma saranno le temperature, sia massime sia minime a essere le protagoniste di quella che molto probabilmente sarà la settimana più calda di questo folle anno. I valori massimi, a partire da mercoledì e almeno fino al weekend del 23 e 24 luglio, sono previsti in continuo e costante aumento con punte di 39-41 gradi in città come Milano, Pavia, Bologna, Ferrara, Padova, Firenze, Bologna. Ma se di giorno si suderà non poco, il clima sarà peggiore di notte quando le temperature almeno fino alle 23 rasenteranno i 30 gradi su tantissime città del Nord e della Toscana.

 

 

Antonio Sanò, direttore e fondatore del sito Il Meteo.it avvisa che queste condizioni meteo potrebbero accompagnarci fin quasi alla fine del mese, in una sorta di blocco anticiclonico con l’alta pressione ben piantata sull’Europa centro-meridionale. Il dato più allarmante riguarda le precipitazioni: non sono previste infatti perturbazioni o break temporaleschi significativi praticamente fino alla fine del mese. Una situazione davvero preoccupante vista la siccità perdurante ormai da almeno 6 mesi che tra l’altro ha fatto prosciugare alcuni molti laghi, tra cui il lago Azzurro in Valchiavenna e il lago di Limides nelle Dolomiti ampezzane e il lago Trasimeno, in grande difficoltà.