Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Elicottero disperso, ritrovati sul monte Cusna i corpi del pilota e dei 6 passeggeri. Nessun superstite

  • a
  • a
  • a

A seguito del ritrovamento dei resti dell’elicottero scomparso il 9 giugno, alcune squadre trasportare dagli elicotteri di soccorso, hanno raggiunto la località di rinvenimento in un canalone tra il Rifugio Battisti e la località Segheria, nell’Appennino al confine tra le province di Reggio Emilia e Modena e dopo alcune ricerche, i soccorsi hanno ritrovato i corpi senza vita dei 7 passeggeri, di cui 4 di nazionalità turca e 2 di nazionalità libanese, in viaggio d’affari in Italia, oltre al pilota italiano del velivolo.

 

 

Lo ha confermato la prefettura di Modena, che ha fatto sapere anche che le notizie delle operazioni di soccorso sono state condivise in tempo reale con le delegazioni diplomatiche dei due Paesi stranieri, guidate dagli ambasciatori. La zona del ritrovamento è stata immediatamente posta sotto sequestro dall’Autorità giudiziaria di Reggio Emilia, che sta procedendo.

 

 

L’elicottero disperso era partito giovedì 9 giugno da Lucca ed era diretto a Treviso. L’ultima traccia dell’elicottero è stata rilevata nella zona di Pievelago, appennino modenese. A bordo 7 persone di cui 6 passeggeri e il pilota. Per le ricerche si era immediatamente alzato in volo un elicottero del 118 di Pavullo nel Frignano, con a bordo personale del soccorso alpino, poi era intervenuto anche un elicottero dell’Aeronautica militare di stanza a Cervia, che ha imbarcato a sua volta personale del Soccorso alpino esperto dell’orografia della zona. Al lavoro in questi giorni di ricerche anche le squadre e i mezzi aerei dei vigili del fuoco.