Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Francesco Moser, chi è la moglie Carla Merz e il rapporto con il figlio Ignazio: "inizialmente non mi ha supportato"

  • a
  • a
  • a

Francesco Moser - 70 anni compiuti lo scorso giugno - ospite di Oggi è un altro giorno (Rai1) insieme al figlio Ignazio. Ciclista professionista dal 1973 al 1988, Moser è il ciclista italiano con il maggior numero di successi: 273. Tante e pesanti le sue vittorie. Nel suo palmares infatti ci sono Giro d'Italia, Milano-Sanremo, Parigi-Roubaix (tre volte), Gand-Wevelgem, Freccia Vallone e Giro di Lombardia (due) oltre al Mondiale (su strada e su pista) e il mitico record dell'ora del 1984. Famosa fu la sua rivalità con Giuseppe Saronni, simile a quella di quasi trent'anni prima tra Bartali e Coppi. In gruppo era soprannominato "lo sceriffo".

 

 

Una volta terminata la carriera ciclistica, Moser si è dedicato all’attività agricola e vitivinicola. Nella tenuta di Maso Villa Wart, sulle colline poco a nord di Trento, coltiva insieme ai figli Francesca, Carlo e Ignazio diverse varietà di uve. Sposatosi nel 1980 con Carla Merz secondo alcuni siti si sarebbero da poco separati, ma non ci sono mai stati conferme in merito. Recentemente Moser ha pubblicato un altro libro sulla sua carriera dal titolo Un uomo, una bicicletta.

 

 

Negli ultimi anni il rapporto tra il campione e il figlio Ignazio è stato spesso alla ribalta. Proprio l’ex gieffino intervistato da Il Giornale ha confessato: “inizialmente non sono stato supportato, poi quando hanno visto che avevo trovato un mio equilibrio, hanno cambiato opinione e mi sono stati vicini totalmente. L’unico consiglio che mi dà è quello di rimanere con i piedi ben saldi per terra”. A distanza di anni però i genitori hanno compreso le scelte del figlio - invaghitosi del mondo dello spettacolo - come ha aggiunto Ignazio Moser: “inizialmente papà non mi ha appoggiato per questa decisione e non la capiva. Il mio era un modo per allontanarmi, in qualche modo, dalla tradizione di famiglia, molto legata allo sport. Inizialmente non sono stato supportato, poi quando hanno visto che avevo trovato un mio equilibrio, hanno cambiato opinione e mi sono stati vicini totalmente”.