Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Draghi: "Covid, ospedali sotto pressione a causa dei no-vax. La scuola va protetta"

  • a
  • a
  • a

"La circolazione del virus mette di nuovo sotto pressione i nostri ospedali in particolare per l’effetto della popolazione non vaccinata". Così il presidente del Consiglio Mario Draghi nel corso della conferenza stampa in cui ha fatto il punto sulla situazione del Covid in Italia. "Più riduciamo la pressione sugli ospedali più saremo liberi" ha aggiunto il premier. Sui no vax Draghi ha precisato: "Non dobbiamo mai perdere di vista una constatazione, che gran parte dei problemi che abbiamo oggi dipende dal fatto che ci sono dei non vaccinati. Le persone non vaccinate hanno una probabilità molto maggiore di sviluppare la malattia" anche "in forme gravi".

 

 

"Il motivo dell’approccio diverso del Governo alla pandemia rispetto al passato è la vaccinazione, quasi l'80% degli italiani ha completato il ciclo primario. Questo è l’ennesimo invito agli italiani non vaccinati a farlo e fare anche la terza dose. Grazie di cuore a chi lo ha già fatto" ha aggiunto Draghi analizzando sugli provvedimenti. 

 

 

Sulla scuola: "E' fondamentale per la democrazia, va tutelata e protetta non abbandonata. Si chiede agli studenti di stare a casa e poi la sera vanno in pizzeria: non ha senso chiudere la scuola prima del resto. Non ci sono motivi per farlo. Il governo sta affrontando la sfida della pandemia e la diffusione di varianti molto contagiose con un approccio un po' diverso rispetto al passato: vogliamo essere molto cauti ma anche cercare di minimizzare gli effetti economici, sociali, soprattutto sui ragazzi e le ragazze, che hanno risentito delle chiusure dal punto di vista psicologico e della formazione. Probabilmente ci sarà un aumento della Dad nelle prossime settimane. Ci andranno, ma da respingere è il ricorso generalizzato alla Dad perché crea diseguaglianze".