Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Variante Omicron, Pregliasco shock: "Serve il lockdown, non è facile ma bisogna essere flessibili"

  • a
  • a
  • a

Intervento del virologo Fabrizio Pregliasco sulla variante Omicron e più in generale sulla situazione da Covid in Italia. "La nuova variante Omicron è già arrivata e si diffonderà, dobbiamo trovare dei modi per mitigare e diluire l’impatto sulla curva dei casi e assorbire al meglio le conseguenze, per questo tutti gli interventi possono aiutare e anche un lockdown ci permetterebbe di gestire meglio l’impatto. Capisco che non è facile ma dobbiamo essere flessibili", ha spiegato all’Adnkronos Salute il docente della Statale di Milano. Sulla possibilità invece di preferire l’introduzione immediata dell’obbligo vaccinale, Pregliasco avverte che "occorre avere la forza e procedere poi con la fattibilità nell’eseguirlo, non è facile", ha commentato.

 

 

Intanto nel Regno Unito le autorità stanno elaborando un piano per un ipotetico lockdown di due settimane dopo Natale, che includerebbe il divieto di riunioni al chiuso tranne che per motivi di lavoro e la limitazione del servizio per pub e ristoranti solo all’esterno. A riferire di questa bozza è il Times, spiegando che le misure sarebbero finalizzate a rallentare la diffusione della variante Omicron del coronavirus. Secondo la testata, tuttavia, il premier Boris Johnson non ha ancora approvato il piano e non intende "chiudere". 

 

 

Tornando all'Italia, "in queste ore il Ministero della Salute ha deciso che nella giornata di lunedì si farà una nuova flash survey, ovvero una nuova verifica della prevalenza delle diverse varianti nel Paese. E' fondamentale capire quanto sta crescendo la variante Omicron e con che ritmo rispetto all’andamento epidemiologico", ha detto il Ministro della Salute Roberto Speranza, intervenendo all’evento di Sanità di frontiera Onlus. "La variante Omicron è una nuova insidia - ha precisato ancora Speranza - Le notizie che arrivano sono ancora parziali e non definitive, ma segnalano che è una nuova variante insidiosa e problematica, e con tutta probabilità ha una maggiore capacità di contagiare. I numeri di questa variante in Italia sono ancora limitati".