Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Niente feste a Capodanno, De Luca chiude tutto: "Evitiamo impazzimenti, altrimenti migliaia di contagi"

  • a
  • a
  • a

La crescita di contagi ha provocato le prime restrizioni in vista delle imminenti festività, almeno in Campania. Stretta della Regione infatti sulle feste di Capodanno. "Nei luoghi pubblici all’aperto è fatto divieto di svolgimento di eventi, feste o altre manifestazioni che possano dar luogo a fenomeni di assembramento o affollamento", questo quanto prevede l’ordinanza firmata dal presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, che contiene disposizioni e raccomandazioni in materia di contrasto e prevenzione del contagio da Covid 19.

 

 

Confermato l’obbligo di indossare dispositivi di protezione individuale, anche all’aperto, in ogni luogo non isolato (ad esempio, centri urbani, piazze, lungomari nelle ore e situazioni di affollamento, code, file, mercati, fiere, contesti di trasporto pubblico all’aperto). Nei giorni 23, 24, 25, 31 dicembre 2021 e 1 gennaio 2022, dalle ore 11 e fino alle ore 5 del giorno successivo, ai bar e agli altri esercizi di ristorazione è fatto divieto di vendita con asporto di bevande, alcoliche e non alcoliche, con esclusione dell’acqua.

 

 

"Dobbiamo eliminare tutte le occasioni di diffusione del contagio, quindi abbiamo stabilito che non si possono fare feste in piazza perché nella settimana tra Natale e Capodanno noi ci giochiamo la tranquillità di vita delle nostre famiglie e la possibilità di tenere aperte le attività economiche. Se lasciamo campo libero agli impazzimenti che abbiamo in questa settimana - ha spiegato il presidente della Regione, De Luca -, noi a fine gennaio ci leccheremo le ferite perché avremo migliaia di nuovi contagi. Mi sembra irresponsabile correre questi rischi. Un po' di pazienza - ha aggiunto - cogliamo questa occasione per riscoprire gli affetti familiari, viviamo anche il Natale e il Capodanno nelle nostre famiglie ed evitiamo di fare cose scriteriate e irresponsabili alla vigilia di Natale, andando in giro in migliaia senza mascherine, bevendo dalla stessa bottiglia superalcolici che sono poi prodotti magari nei quartieri delle nostre città. Evitiamo impazzimenti a Capodanno".