Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Strage del Mottarone, il piccolo Eitan in Italia: il ritorno a Pavia con la zia Aya e le cuginette

  • a
  • a
  • a

Il piccolo Eitan è di ritorno in Italia. Il bambino unico superstite della tragedia del Mottarone, conteso dalla famiglia paterna e materna, è partito alle 19 ora locale, le 18 di venerdì 3 dicembre in Italia, insieme alla zia Aya, al marito ed alle loro figlie, per tornare a Pavia. Il bambino era stato portato in Israele l’11 settembre scorso dal nonno materno: al termine di una battaglia giudiziaria durata settimane, nei giorni scorsi la Corte suprema ha stabilito che Eitan dovesse tornare in Italia, dove viveva con i genitori ed il fratello, tutti morti nella tragedia

 

 

"E' la conclusione giusta di una vicenda delicata. Rivolgiamo un appello ai giornalisti e agli operatori dell’informazione, a cui rivolgiamo un ringraziamento per l’impegno finora profuso, chiedendo loro di comprendere l’esigenza di tutelare la privacy del minore nel rispetto dei principi della Carta di Treviso nonché delle norme deontologiche e professionali", hanno chiesto gli avvocati Grazia Cesaro e Cristina Pagni, che tutelano gli interesse della zia Aya e tutrice del piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone.

 

 

"Eitan ora ha bisogno di serenità e tranquillità, insieme alla sua famiglia, per affrontare un percorso di recupero delicato - hanno aggiunto i legali -. Per tale ragione desideriamo che possa cessare il clamore mediatico, e chiediamo di evitare ogni forma di intrusione nella vita del minore e della famiglia che lo accoglie. Siamo certi che saranno rispettati i principi dell’ordinamento giuridico posti a tutela della serenità, della riservatezza e dell’interesse del bambino".