Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Natale in famiglia, il monito di Andreoni: "Tavoli separati tra nonni e nipoti e tutti con le mascherine"

  • a
  • a
  • a

Massimo Andreoni ha suggerito alcune proposte per trascorrere in famiglia il prossimo Natale, in relazione alla pandemia da Covid. "Non dobbiamo essere pessimisti, si potranno anche passare con i propri cari, ma rispettando alcune regole che poi sono quelle che conosciamo. Il fatto di riunirsi tra persone vaccinate riduce il rischio di infezione anche se non lo esclude. Il primo consiglio che posso dare è di creare un cordone di sicurezza per gli anziani e i fragili, ad esempio per i pranzi e le cene pensare a tavoli separati tra nipoti e nonni", ha sottolineato il primario di infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma e direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit)

 

 

Andreoni ha commentato le parole dell’immunologo Sergio Abrignani, componente del Cts, che sul Natale ha detto che "ai miei nipotini consiglio di non abbracciare i nonni, poi dipende dalla sensibilità di ciascuno di noi e se io faccio pranzi o cene natalizie con parenti anziani preferisco che non ci siano non vaccinati". "Meglio poi indossare la mascherina - ha aggiunto Andreoni - e, quando possibile, mantenere sempre un certo distanziamento, soprattutto nei momenti di massimo festeggiamento. Se siamo cauti e accorti questo Natale riusciremo a festeggiarlo in famiglia".

 

Più o meno dello stesso avviso il virologo Fabrizio Pregliasco: "Temo che la colorazione gialla arriverà anche su altre regioni, credo che tutto questo ancora è un qualcosa in divenire. La vaccinazione e la rivaccinazione anti Covid sono un mantenimento e un ricordo che c’è ancora il virus, quindi mantenere quel nuovo galateo con grande attenzione in questo momento io credo e spero ci permetterà di far scavallare la notte. E metaforicamente la nottata è questo inverno. Spero possa essere l’ultima battaglia importante, salvo altre varianti cattive che dovessero emergere", ha spiegato il docente all’università Statale di Milano e direttore sanitario dell’Irccs Galeazzi, a Non Stop News su Rtl 102.5.