Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vaccino ai bambini, Speranza a Zapping: "Ascoltiamo i pediatri, non i social"

  • a
  • a
  • a

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, è intervenuto sul vaccino ai bimbi dai 5 agli 11 anni e sulla pandemia da Covid in generale. "La mia opinione è che bisogna affidarsi ai nostri pediatri, sono le persone che conoscono meglio di altri i nostri figli. Il mio invito è di ascoltare i nostri pediatri, non facciamoci un’idea sui social, con tutto il rispetto per i social. Su materie così delicate affidiamoci a persone che nella vita si sono occupate dei nostri figli, dei più piccoli", questo il messaggio rivolto ai genitori dal ministro ospite a Zapping su Radio1.

 

 

Il discorso si è poi spostato sui dispositivi di sicurezza: "Le mascherine sono fondamentali sempre, al chiuso e all’aperto se ci sono rischi di assembramento perché hanno la capacità di ridurre del 50% il contagio, quindi sono decisive insieme al distanziamento e il lavaggio delle mani. Tutte le norme che abbiamo imparato in questi mesi e che oggi più che mai sono essenziali - ha affermato Speranza sempre durante il programma di Giancarlo Loquenzi -.  La nuova variante? Sarebbe da irresponsabili non essere preoccupati, siamo in una fase non semplice della gestione della pandemia, i numeri in Europa sono da ondata in corso, in Italia i dati più bassi degli altri paesi europei ma dobbiamo essere cauti e mantenere i piedi per terra, perché anche qui l’Rt è ampiamente sopra 1 e quindi c’è una crescita del numero dei contagi".

 

 

E ancora sulla variante sudafricana: "Per tutta la giornata venerdì 26 novembre abbiamo avuto a che fare con questa nuova variante, che l’Oms ha deciso di chiamare Omicron. E' una variante resa nota dal governo sudafricano soltanto l’11 di novembre, ed ha oltre trenta mutazioni della proteina Spike - ha detto Speranza -. Va presa con grandissima attenzione. Giusto avere una linea di grande prudenza".