Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Piero Angela, scenata al ristorante: il cameriere non gli controlla il green pass. "Alla fine ho gridato"

  • a
  • a
  • a

Curioso episodio capitato a Piero Angela. Il divulgatore scientifico, 92 anni, storico volto di Superquark, si è visto costretto a richiamare un cameriere in un ristorante di Roma per farsi controllare il Green pass. "Poco tempo fa sono andato a mangiare in un ristorante a Roma - ha dichiarato a Il Messaggero -, in una giornata in cui il locale era particolarmente frequentato. Il cameriere, per far prima, non mi ha controllato il Green pass. Ho provato a richiamarlo, ma niente. A quel punto credo di aver anche gridato. Ho preteso civilmente, e infine ottenuto, il controllo: non bisogna mai vergognarsi di chiedere il rispetto delle norme”.

 

 

Per Piero Angela, nessun alibi è valido: “I gestori devono tutelare la salute dei loro clienti. E se questo non avviene, sta a noi segnalarlo" - ha spiegato - è sempre importante rispettare le regole, ma in questo momento ancora di più: non possiamo lasciarci travolgere dalla quarta ondata”. Piero Angela ha quindi proseguito: "Parlare di protezione nei luoghi pubblici è altamente inutile, se poi non si procede al controllo. I camerieri e i gestori dei locali? Ho rispetto per chi lavora in un locale e deve gestire situazioni a volte anche complesse", ha precisato.

 

 

In ogni caso, però, la sua posizione non cambia: "Il controllore deve controllare, punto - ha ribadito -. Se vaccinarsi è come allacciarsi la cintura di sicurezza, o attivare l’airbag in macchina, avere il Green Pass è come fare l’assicurazione: è un foglio senza il quale non puoi circolare, perché se investi qualcuno e non sei assicurato sono guai. Bene: se nessuno si lamenta che il vigile controlli l’assicurazione, perché non dovrebbe essere lo stesso con il Green Pass?”. L'episodio del ristorante di Piero Angela e il suo green pass è diventato in poche ore virale.