Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Pregliasco sulle proteste: "Garantire il dissenso, ma mettano la mascherina e rispettino le distanze"

  • a
  • a
  • a

"Non è facile gestire le manifestazioni, ma mi sembra giusto permettere la contestazione. Il dissenso va garantito, ma ci vuole un approccio civile". Così il virologo Fabrizio Pregliasco, docente della Statale di Milano sulle proteste dei "No Green pass’ che a Trieste hanno prodotto un’impennata di contagi Covid (350 casi su 100mila abitanti), facendo scattare lo stop alle proteste di piazza fino al 31 dicembre. "Io credo che chi dissente deve seguire le regole e dimostrare responsabilità. Manifestazioni con mascherina e distanziamento potrebbero essere un’idea", dice il virologo. "Perché darebbero un esempio maggiore: la dimostrazione che c’è la consapevolezza del rischio oggettivo e, alla luce di questo, dissentire sulla strategia. Non condivido la posizione - precisa l’esperto - ma così rovinano lo spirito della loro stessa protesta". Quanto al boom di contagi, secondo Pregliasco "Trieste è una di quelle situazioni in cui è necessario che ci sia un intervento ’chirurgico' per arginare il virus". 

 

 

"Green Pass obbligatorio fino a giugno? Io credo che questo inverno, usando la metafora della guerra, sarà l’ultima battaglia, rispetto al rischio di diffusione della malattia con un colpo di coda, sperando che non escano nuove varianti, perché poi il virus rimarrà ma ci sarà una convivenza sempre più civile. Manteniamo un meccanismo per essere flessibili e per reagire a situazioni che potrebbero essere pesanti. Prudentemente immaginiamo lo scenario peggiore per gestire al meglio la situazione, anche se io ritengo che non sarà pesante proprio perché i vaccini funzionano", riflette. 

 

I contagi Covid-19 tornano a salire in Italia, ma "credo che la vaccinazione stia dimostrando comunque un’efficacia notevole che ci possa permettere di continuare al meglio, però con un pò più di attenzione e questo dipende anche dal senso di responsabilità dei singoli" continua  Pregliasco. "Per ora sta andando abbastanza bene - rileva l’esperto - C’è solo una tendenza" al rialzo dei casi, "un fatto naturale. Anzi - sottolinea - è un effetto positivo della vaccinazione: grazie alla vaccinazione abbiamo più contatti, più occasioni di stare insieme e quindi facilitiamo in questo senso la diffusione del virus".