Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rave party a Torino, in corso maxi sgombero: 3000 identificati, il centrodestra attacca

  • a
  • a
  • a

Un'altra gatta da pelare, quantomeno mediatica, per il ministro dell'Interno Luciana Lamorgese. Siamo a Torino. Le Forze di Polizia, sin dalla prima mattina di oggi, stanno facendo accesso all’area del rave party iniziato sabato sera in un ex area industriale dismessa a Nichelino. Ancora presenti centinaia di persone. La polizia sta intervenendo per impedire l’ulteriore prosecuzione dell’occupazione abusiva di terreni ed edifici. Stanotte è proseguito il deflusso dei partecipanti al rave che sono stati identificati e controllati ai check point predisposti, sin dall’inizio, nell’ambito dei servizi di ordine pubblico coordinati dalla Questura di Torino. Finora le forze dell’ordine hanno identificato oltre 3000 persone e circa 1500 mezzi tra auto, camper e furgoni mentre sono in corso le procedure di identificazione e controllo dei partecipanti al rave e dei veicoli ancora all’interno dell’area.

 

Il blocco di centrodestra, Salvini e FdI in testa, è già partito all'attacco della ministra titolare al Viminale. Non è il primo caso di rave party abusivo non adeguatamente gestito, per usare un eufemismo, questa l'accusa. Tutti ricorderanno il caso di Viterbo che tenne banco sul finire dell'estate: un maxi raduno sul lago di Mezzano, con tanto di esodo successivo allo sgombero, che tanto fece discutere per la troppa 'mollezza' che alcuni hanno imputato a Lamorgese nel gestire l'afflusso di gente. E molti rilevarono la fastidiosa contraddizione fra l'anarchia imperante in quella sorta di porto franco e l'obbligo di rispettare pedissequamente le regole anti-contagio per l'italiano medio (eravamo in piena fase di introduzione del Green pass). 

 

"Altro rave party abusivo, altra violenza e poliziotti feriti. Il ministro Lamorgese venga subito a riferire in Parlamento, se non è in grado di garantire l’ordine pubblico e il rispetto delle regole lasci il posto ad altri". Così sul suo profilo Facebook il leader della lega, Matteo Salvini. Gli fa eco Francesco Lollobrigida, del partito capitanato da Giorgia Meloni: "Il ministro Lamorgese tollera i rave illegali, l’immigrazione clandestina ma reprime duramente le manifestazioni dei lavoratori. Fratelli d’Italia chiede le dimissioni di un ministro che si è dimostrato inadeguato".