Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

G20, luci e ombre. Guterres: "Speranze deluse" ma i leader elogiano l'Italia

  • a
  • a
  • a

"Mentre accolgo con favore la conferma degli impegni del G20 per soluzione globali, lascio Roma con le mie speranze disattese, ma almeno non sono state sepolte". Così su Twitter il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres: "Avanti con la Cop26 a Glasgow per mantenere vivo l’obiettivo di 1.5 gradi e attuare le promesse sul finanziamento e l’adattamento per la popolazione e il pianeta". Parole agrodolci quelle del portoghese, a cui fanno da contrappeso le "luci" portate in evidenza dagli altri leader mondiali, specialmente per quanto riguarda l'organizzazione italiana del prestigioso forum internazionale. 

 

 

Durante lo svolgimento della terza sessione del G20, incentrata sul tema dello sviluppo sostenibile, il primo ministro indiano Narendra Modi ha ringraziato e lodato l’Italia per "aver preso l’iniziativa di organizzare, per la prima volta, un vertice dedicato allo sviluppo sostenibile". Secondo quanto riferito da Palazzo Chigi, anche il primo ministro olandese Mark Rutte si è complimentato con l’Italia per aver organizzato uno "straordinario G20". Rutte ha sottolineato la leadership dell’Italia nel promuovere iniziative legate alla finanza sostenibile, in particolare in favore dei paesi più poveri. Ultime ma non meno importanti le congratulazioni per l’organizzazione del summit del presidente francese, Emmanuel Macron. "L’Italia per la prima volta ha preso l’iniziativa di organizzare una riunione dei ministri dello Sviluppo sostenibile, un’attività che accolgo positivamente", ha detto il titolare dell'Eliseo.

 

"Ci sono dei segnali positivi dal G20 su alcuni aspetti: sicuramente sulla minimum tax globale, anche se la proposta originale era al 21%, ma è un importante segnale. Positivo anche il fatto che finalmente sul piano dello scambio commerciale Usa-Ue si sia trovata la quadra, la contrapposizione che non faceva bene a nessuno, saltano finalmente i dazi. Non possiamo invece ritenerci soddisfatti, credo, dal compromesso sul clima, c’è la difficoltà di segnare anche una data per la neutralità climatica". È quanto dichiarato dal Presidente del M5S, Giuseppe Conte, a Mezz’ora in più su Rai3, commentando gli esiti del forum.