Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, dalla festa per le nozze d'oro alla terapia intensiva. Quattro anziani in rianimazione

  • a
  • a
  • a

Quattro anziani sono passati in pochi giorni da una festa per le nozze d'oro al reparto di terapia intensiva per aver contratto il Covid. E' accaduto a Padova. L'Azienda ospedaliera conferma che i tre uomini e una donna sono stati immediatamente ricoverati e trasferiti all'istante in rianimazione. Hanno tutti tra i 70 e gli 80 anni. La signora e uno dei maschi sono la coppia che festeggiava l'anniversario di nozze, gli altri due erano invece ospiti al banchetto. L'Azienda ospedaliera di Padova conferma che le loro condizioni sono considerate gravi. 

Secondo la prima ricostruzione il focolaio è esploso proprio nel corso del pranzo che si è svolto nella giornata di domenica 24 ottobre, nella stessa provincia di Padova. Nel giro di un paio di giorni i quattro anziani hanno accusato i primi sintomi dell'infezione. Quando sono arrivati al pronto soccorso dell'ospedale le loro condizioni erano già serie e considerate in rapido peggioramento. A quel punto i medici hanno disposto l'immediato trasferimento nel reparto di terapia intensiva. Sempre stando all'Azienda ospedaliera, si tratta della prima volta che a Padova un gruppo intero di persone infettate in contemporanea, finisca così velocemente dall'accesso all'ospedale al reparto di rianimazione. 

In Veneto la situazione è della pandemia in questa fase è considerata complessa. Anche nella giornata di oggi, giovedì 28 ottobre, la regione è risultata tra le prime cinque con il maggior numero di infezioni in Italia. Esattamente la quarta, ufficializzando 508 nuovi casi. Numeri più alti solo in Campania (627), nel Lazio (594) e in Lombardia (570). La quinta regione è invece l'Emilia Romagna con 391 nuovi contagi. Nel complesso i casi di attualmente positivi in Veneto sono 9.945. Dall'inizio della pandemia le persone contagiate sono state 479.017. I dati a cura della regione segnalano un nuovo decesso che porta il numero complessivo delle vittime a 11mila 821.