Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Oroscopo del Corriere di giovedì 28 ottobre 2021: le previsioni di tutti i segni zodiacali

  • a
  • a
  • a

Ecco le nuove previsioni delle stelle per tutti i segni zodiacali nell'oroscopo del Corriere di giovedì 28 ottobre 2021.

 

ARIETE: L'entusiasmo non è quello dei giorni migliori: dovete stringere i denti, sapendo che prima o poi ogni cosa vi verrà restituita. Niente decisioni affrettate.
TORO: I nervi a fior di pelle possono fare danni incalcolabili: tutto quello che dovreste fare oggi è mettere una corazza che difenda gli altri da voi.
GEMELLI: Il cuore è il vostro alleato: non sprecate l'opportunità e cercate di privilegiare l'amore a ogni altro aspetto della vostra vita, almeno oggi. 

 


CANCRO: Sapete cos'è che allontana tutti i problemi? Il fascino. Quello degli altri catalizza la vostra attenzione, il vostro ha un potere ancora maggiore.
LEONE: Risolvere un problema è lo scopo del giorno. Non potete più rimandare: che vi tormenti o no adesso, il rischio è che risulti deleterio in seguito.
VERGINE: La tua capacità di comprendere il mondo che ti circonda che ti aiuta a prendere una decisione importante che hai evitato per troppo tempo. 
BILANCIA: Pensi di avere una carica di energia infinita, ma la realtà ti riporta con i piedi per terra mentre fai sogni di gloria.

 


SCORPIONE: Sostenere le proprie tesi davanti a chi la pensa in modo opposto è un diritto sacrosanto, ma a volte può rivelarsi una perdita di tempo.  
SAGITTARIO: Non senti la fiducia di chi dovrebbe affidarti incarichi di livello superiore. Potrai solo lavorare ancora di più per guadagnartela.
CAPRICORNO: Se un fulmine a ciel sereno spezza la tua serenità, non dovrai far altro che fare un passo indietro e capire questa serenità su cosa si poggiava.
ACQUARIO: La voglia di novità vi porterà a utilizzare qualche parola di troppo. Vorrete entrare in tutte le discussioni, dal vivo o sui social, siate sinceri. 
PESCI: Ci sarà un'energia molto forte che potrebbe creare scossoni rilevanti nella vostra vita, se non delle vere e proprie rotture con il passato.