Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

"La salvezza del matrimonio è il tradimento": le statistiche di Incontri Extraconiugali

  • a
  • a
  • a

Le statistiche sembrano parlare chiaro, almeno per il fondatore di uno dei portali più noti di "scappatelle", Alex Fantini di Incontri-Extraconiugali.com. Una scappatella ogni tanto rende il matrimonio più felice e la coppia più stabile. E il trend, secondo i dati del portale, sembra essere in aumento specialmente fra i più giovani. "Esiste una sola ricetta per riuscire a tenere la fede incollata al dito: il tradimento" incalza Alex Fantini. Incontri-ExtraConiugali.com —basandosi anche su i dati Istat — sostiene infatti che il più classico dei tradimenti non faccia che rafforzare la relazione di coppia. 

 

 

"In futuro, grazie ai tradimenti, i matrimoni saranno più stabili" continua Fantini. Secondo l’esperto il diffondersi dei siti di incontri online riuscirà a determinare un’inversione di tendenza, dato confermato da un nuovo studio di Incontri-ExtraConiugali.com che mette in luce la propensione dei più giovani al tradimento.Lo studio rivela che ad avere un’elevata tendenza verso le relazioni adulterine sono la maggior parte (75%) dei ragazzi della "generazione Z", quella composta dagli under-27 —nati dopo il 1995— definiti anche come nativi digitali.

 

 

La stessa tendenza è stata rilevata anche nella maggior parte (68%) della "generazione Y", quella composta dai 27-40enni —nati tra il 1982 ed il 1994— definiti anche come millennial generation, generation next, oppure anche echoboomer. Lo studio è stato realizzato nel mese di ottobre 2021 su un campione di 2.400 persone di entrambi i sessi, equamente distribuiti nelle diverse fasce di età: under-27(nativi digitali), 27-40enni (millennial), 41-56 anni(X generation) e 57-75enni (baby boomer). I nativi digitali —osserva Incontri-ExtraConiugali.com— trasgrediscono organizzandosi prevalentemente in rete (80%) e non disdegnano il sexting (73%): un aspetto importante di questa generazione è infatti l’assuefazione ad Internet fin dall’infanzia ed il conseguente diffuso utilizzo di social media e piattaforme di vario genere.