Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Maltrattamento e uccisione di animali, i fratelli Bianchi denunciati dall'Enpa: "Esseri disgustosi"

  • a
  • a
  • a

L’Ente Nazionale Protezione Animali ha presentato denuncia per maltrattamento ed uccisione di animali nei confronti dei fratelli Bianchi, attualmente in carcere per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte. Dalle indagini in corso, infatti, esaminando i materiali all’interno del cellulare di uno di questi soggetti, sono emersi dei filmati dove i fratelli uccidono con una crudeltà inaudita degli animali totalmente innocui come un uccello o una pecora. "Abbiamo messo in campo il nostro ufficio legale con l’avvocato Enpa, Claudia Ricci, non solo perché è giusto che questi esseri disgustosi paghino anche per questi orribili reati ma anche perché ancora una volta emerge una realtà che l’Enpa solleva da sempre in tutti i fori e di cui si parla ancora troppo poco: coloro che torturano e uccidono gli animali sono le stesse persone che poi si scagliano con violenza sugli esseri umani. È ora che venga riconosciuta la pericolosità sociale delle persone che maltrattano e uccidono gli animali" si legge in una nota dell’associazione animalista, in cui si ricorda che nella letteratura scientifica internazionale il maltrattamento e/o uccisione di animali, in termini statisticamente rilevanti, è una condotta riconosciuta come indicatore di pericolosità sociale.

 

 

Dall’indagine di Link Italia e Corpo Forestale dello Stato su un campione di 687 detenuti si è evidenziato che il 68% degli autori di reato per lesioni e maltrattamento in famiglia ha maltrattato e/o ucciso animali da adulto. In particolare, il 61% ha maltrattato e/o ucciso animali da minorenne mentre il 64% ha maltrattato e/o ucciso animali da adulto.

 

 

"Eppure in Italia - continua la presidente Carla Rocchi - ancora si fa fatica ad affermare questo principio e occorre battersi nei tribunali e nella società per contrastare la mentalità dominante, retrograda e socialmente pericolosa del ’tanto sono solo animali'. Ora è chiaro che continuare a non riconoscere la gravità del maltrattamento di animali come orribile atto in sé e come specifico indicatore di pericolosità sociale significa, a livello sociale, ignorare un bomba ad orologeria che sta per scoppiare"