Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Ita Airwais, gli stilisti bocciano la livrea in azzurro: "Un passo falso, fa un po' principe delle fiabe"

  • a
  • a
  • a

E' appena subentrata ad Alitalia, ma Ita Airways fa già discutere, anche per la scelta della nuova livrea in azzurro. "Spero che la nuova compagnia di bandiera possa rappresentare il made in Italy nel mondo come in passato era accaduto per Alitalia. Ma l’azzurro degli aerei è un passo falso, lo trovo esagerato. Fa un po' principe delle fiabe", ha dichiarato all’Adnkronos lo stilista Renato Balestra commentando il nuovo look degli aerei di Ita Airways. Lo stilista, che nel 1991 firmò le divise e gli abiti per hostess, stuart e piloti di Alitalia, ha aggiunto: "In fondo anche una compagnia di bandiera è un biglietto da visita, l’immagine di un Paese. Ma un aereo non può trasformarsi in una guida turistica o in un libro illustrato con le icone stilizzate ispirate al patrimonio. Non lo trovo elegante", ha affermato.

 

 

"Al momento - ha continuato Balestra - il mio è un pollice verso. Spero di ricredermi. Ma gli anni d’oro di Alitalia con il suo stile, la sua classe non ritorneranno". Più o meno dello stesso avviso la stilista milanese Lella Curiel: "I colori sono colori e gli aerei sono aerei. Per la nuova linea di bandiera forse avrei mantenuto il bianco con il logo sulla coda. Ma l’eleganza e il gusto estetico sembrano non appartenere alla nostra epoca. Non esprimo altri giudizi al momento sui nuovi aerei di 
Ita Airways. Semplicemente, affacciata alla finestra aspetto il decollo", ha sottolineato.

 

 

Stefano Dominella, presidente di Unindustria e presidente onorario della maison Gattinoni, si è mantenuto più cauto: "Bene uniformare l’immagine dell’Italia con un azzurro nazionale. Trovo poco elegante però il logo oro, un po' kitsch, amatissimo dalle compagnie aeree del mondo arabo. Avrei preferito un argento brunito. Sicuramente più elegante. Trovo inutili - ha aggiunto Dominella - anche le icone stilizzate ispirate al nostro patrimonio. L’Italia non ne ha bisogno. Un aereo non è un ufficio del turismo".