Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Green Pass, proteste dei lavoratori in tutta Italia: la situazione al porto di Trieste

  • a
  • a
  • a

Proteste No Green Pass in tutta Italia, nel giorno dell'entrata in vigore dell'obbligo di certificazione verde per tutti i lavoratori. A capitanare la fila i portuali di Trieste, ma è in molti porti e città d'Italia che si sta radunando un fronte del dissenso contro la decisione del Governo. Fra le altre città, Genova e Ancona, ma anche Roma, dove dopo i fatti della scorsa settimana si è radunata una piccola manifestazione che ha bloccato il traffico per breve tempo, salvo poi essere allontanata dalle forze dell'ordine. 

 

 

Al molo VII del porto nuovo di Trieste è presente qualche migliaio di persone tra portuali ed altri manifestanti, in supporto, che bloccano l’entrata. La situazione generale è tranquilla e l’accesso non viene impedito alle singole auto che intendono entrare. Sono partiti i primi cori all’insegna del No Green Pass. "Il porto funziona: ovviamente in alcuni passaggi ci saranno difficoltà e ranghi ridotti, ma funziona. Ho chiesto di tenere bassa la temperatura evitando scontri frontali per non danneggiare l’economia di un Paese, dato che danneggiare l’attività del porto di Trieste significa danneggiare un gran numero di aziende che lavorano nell’indotto". Lo ha detto il presidente della Regione Friuli Venezia Giulia e della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga.

 

 

"La protesta proseguirà fino a quando il green pass non verrà eliminato". Lo ha dichiarato il portavoce del Coordinamento lavoratori portuali di Trieste (Clpt), Stefano Puzzer. La manifestazione continuerà "sempre dando la possibilità ai lavoratori che vogliono entrare di farlo", ha precisato Puzzer. "È una grande manifestazione per la libertà, pacifica, tutto sta andando per il meglio". E nel capoluogo friulano non ci sono solo portuali: registrata anche la presenza di molti statali e lavoratori di ogni tipo. I portuali stanno distribuendo cibo e bevande, qualche coro, non offensivo. Sono alcune migliaia i partecipanti, i lavoratori che vogliono accedere al varco 4 vengono lasciati passare.