Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Scontri a Roma e assalto alla Cgil, le reazioni: dal Pd solo canovaccio pre elettorale contro Meloni e Salvini

  • a
  • a
  • a

L’emergenza democratica, l’assalto al sindacato nel 2021 che, secondo molti osservatori, ricorda quelli delle squadracce fasciste cent’anni fa. I rischi, la deriva, l’estremismo. Al netto della retorica sul paragone con i prodromi del Ventennio (che è, appunto, demagogia storica pura considerando il contesto storico, sociale, le tutele e i contrappesi diversi e soprattutto le diametralmente opposte entità del fenomeno), quanto accaduto sabato a Roma con la degenerazione della piazza no-pass e la violazione della sede Cgil alla è, sì, preoccupante.

 

 

Così come lo è la rivendicazione diffusa da Forza Nuova, i cui vertici sono stati tratti in arresto, che ha promesso di “alzare lo scontro” con le istituzioni. Ebbene, di fronte a tutto questo, e di fronte ad un ribollire di violenza a vario livello, il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese svolgerà un’informativa in Parlamento il 19 ottobre. A 10 giorni dai fatti avvenuti. Un tempo che, sicuramente, contraddice gli allarmi lanciati dalla sinistra, così apocalittici da giustificare, a parer loro, una manifestazione di piazza sabato 16, in pieno silenzio elettorale, con la triplice sindacale. Dare un segnale politico è urgente, informare i partiti in Parlamento depositari della rappresentanza, evidentemente no.

 

 

Almeno considerando la data del momento in cui ciò avverrà e, soprattutto, il silenzio dei dem sulla circostanza. E allora sorge il sospetto che in realtà il contrito sdegno, l’agognata protezione della democrazia cui in queste ore si esibiscono le forze del centrosinistra non siano in realtà soltanto un canovaccio pre elettorale recitato ad alta voce, che punta dritto agli avversari di turno, Giorgia Meloni prima di tutto e Matteo Salvini in seconda battuta, ai quali vengono ossessivamente chieste prove di compatibilità con la democrazia. Peccato che la realtà della violenza ideologica che serpeggia nel nostro Paese richiederebbe atteggiamenti ben più seri. Ma evidentemente, al Pd non è questo che interessa.