Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Strage di Erba, Azouz Marzouk assolto dalle accuse di calunnia: "Ora riaprire il processo per scoprire la verità"

  • a
  • a
  • a

È stato "assolto con formula pienaAzouz Marzouk, l’ex marito di Raffaella Castagna e padre del piccolo Youssef, morti nel 2006 nella strage di Erba insieme alla nonna materna del piccolo Paola Galli e la vicina Valeria Cherubini. Marzouk era stato accusato di calunnia per aver presentato, tramite i suoi avvocati Solange Marchignoli e Luca D’Auria, un atto per chiedere la revisione del processo sulla strage di Erba, nel quale si diceva convinto dell’innocenza dei due ex vicini di casa. Affermazione che per la procura di Milano era calunniatoria  perché metteva in discussione la sentenza, passata in giudicato, che ha portato alla condanna all’ergastolo per Olindo e Rosa. Sentenza che si basava sulle confessioni dei vicini, a suo dire false, sugli omicidi. Il pm di Milano Giancarla Serafini lo scorso giugno aveva chiesto la condanna a 3 anni e mezzo di reclusione per Marzouk, ex marito di Raffaella Castagna e padre di Youssef, due delle quattro vittime della strage dell’11 dicembre 2006. Le motivazioni saranno rese note tra 90 giorni.

 

 

"Sono contento per l’assoluzione e aspetto le motivazioni". Lo afferma Azouz Marzouk appena assolto dal tribunale di Milano "perché il fatto non sussiste" dall’accusa di calunnia nei confronti di Olindo e Rosa Bazzi condannati in via definitiva all’ergastolo per la strage di Erba. "Ora aspetto la riapertura del processo per scoprire la verità" ha dichiarato l'uomo. 

 

 

"Sono molto soddisfatta per l’assoluzione di Azouz Marzouk, la sua è una vicenda che abbiamo seguito da vicino e a cui abbiamo lavorato tanto. L’ho conosciuto bene ed è una persona carina". A dirlo è stata l’avvocato Solange Marchignoli che difende Marzouk con l’avvocato Luca D’Auria. "Il giudice Daniela Clemente, delle settima sezione penale, lo ha assolto, e questo - ha concluso il legale - vuole dire che faceva bene a nutrire dei dubbi sulla colpevolezza di Olindo e Rosa" come aveva espresso nella richiesta di revisione del processo a carico dei ex suoi vicini.