Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Parisi premio Nobel, Bassetti insiste: "Sui vaccini avevo ragione io. Ognuno faccia il suo mestiere" | Video

  • a
  • a
  • a

Matteo Bassetti non si pente, anzi, fa i complimenti a Giorgio Parisi per il premio Nobel alla fisica, ma non molla sulla polemica legata ai contagi in Gran Bretagna avvenuta tra i due qualche mese fa a L'Aria che tira, su La7. "Tanti complimenti a Parisi che certamente è un degno rappresentante della scienza e in questo caso della fisica, ma non mi muovo di un centimetro rispetto a quello che ho detto allora, perché conoscerà benissimo tutte le teorie della fisica ma in quel caso particolare aveva detto una cosa non corretta", ha affermato l'infettivologo dell’ospedale San Martino di Genova tornando dunque sul video della puntata del 5 marzo scorso, che in queste ore impazza sui social, in cui si confrontava con Giorgio Parisi sui dati del contagio da Covid 19 in Gran Bretagna. Di seguito il video in questione.

 

Bassetti contro Parisi

 

Il neo premio Nobel per la Fisica sosteneva, ricorda Bassetti, "che in Inghilterra si fossero ridotti il numero dei morti e i casi grazie al lockdown. Io gli dicevo 'guarda che non è così ma è grazie ai vaccini' e mi pare che quello che è successo nei sei mesi successivi - ha rivendicato con orgoglio - dia ragione più a Bassetti che è un medico che a Parisi che è un fisico. Detto questo io ho un grandissimo rispetto, sono contento per l’Italia, gli faccio tutte le mie congratulazioni e complimenti per aver ottenuto questo straordinario premio però - ha ribadito - ripeto ancora una volta quello che ho già detto tante volte e cioè che io non mi permetterei mai di essere invitato a un dibattito televisivo e discutere se l’atomo deve essere attaccato al positrone o se il positrone deve ruotare intorno all’atomo perché non ne ho competenza e non ne avrò mai. E quindi chiedo che chi fa il fisico faccia il fisico e non parli di epidemie e di malattie infettive. Ognuno faccia il suo mestiere".

 

 

E ancora: "Sul fatto che lui sappia leggere i dati - ha aggiunto - nessuno ha dubbi ma il fatto che l’epidemia in Inghilterra sia stata controllata dal lockdown è un’inesattezza scientifica. Se mi dicesse la stessa cosa, seppure da Nobel della Fisica, riderei. E come ho detto ad altri premi Nobel che sbagliavano lo direi anche a lui".