Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

A Sutri la prima piazza dedicata a Battiato. Sgarbi: "La mia risposta ai fischi di Verona"

  • a
  • a
  • a

Una piazza intitolata al cantante e musicista Franco Battiato a Sutri, cittadina nel Viterbese di cui Vittorio Sgarbi è sindaco. Così il critico d'arte risponde ai fischi di Verona. Sì, perché quella di martedì 21 settembre, nella splendida cornice dell'Arena della città veneta, doveva essere una serata per celebrare "Francuzzo", scomparso lo scorso 18 maggio, e la sua arte. Tanti gli ospiti, circa cinquanta, fra cui Fiorella Mannoia e Gianni Morandi, e palchi gremiti. Senonché, fischi e insulti hanno coperto il momento dell'esibizione improvvisata di Sgarbi e Al Bano, ancor prima di salire sul palco per un breve cameo. Tra gli insulti urlati, anche quello di essere "fascisti": "Incomprensibile - ha commentato Al Bano al Corriere della Sera - mi sono sempre dichiarato apolitico. Sono stati i cinque minuti più inutili della mia vita artistica".

 

 

Ed è dunque anche in risposta al manipolo di maleducati che Vittorio Sgarbi ha deciso di dedicare una piazza di Sutri a Battiato. In un video da lui stesso pubblicato, il politico ha detto: "All'inizio ci è sembrata una festa della musica ma io e Al Bano venivamo da Padova, non avevamo capito che fosse dedicata proprio a Battiato, fuori alcuni ragazzi ci avevano detto che il tema era genericamente Oriente e Occidente".

 

"Poi quando siamo saliti sul palco - ha proseguito Sgarbi - una parte del pubblico ha pensato bene di chiamarci fascisti, di insultarci, usando gli stessi metodi che ha usato la Murgia contro Battiato. Al Bano è rimasto stupito di questa singolare accoglienza. Da questo momento indicherò al consiglio comunale di Sutri che ci sarà una piazza Battiato, la prima piazza italiana. In quella piazza inviteremo chiunque a cantare in nome di Battiato" ha concluso.