Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Speranza ai no vax: "Pugno duro contro i violenti". Ma la chat Telegram Basta dittatura funziona ancora

  • a
  • a
  • a

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, è intervenuto al Festival Ritorno al Futuro, intervistato dal direttore de La Stampa, Massimo Giannini. "Chi manifesta con violenza e con atteggiamenti violenti per me è da condannare e lì c’è bisogno come ha detto il ministro Lamorgese del pugno duro - ha affermato -. Quando dai un pugno ad un giornalista o ad un cameraman o dici ad un ministro, come accaduto a Di Maio, che c’è bisogno del piombo o le minacce agli scienziati, siamo su un terreno inaccettabile".

 

 

L'evento La lezione di Covid e il domani che ci aspetta, è stato promosso da Salute, l’hub tematico del Gruppo Gedi, in corso a Villa Medici a Roma. "Sull’allargamento del Green Pass abbiamo ceduto a Salvini? Assolutamente no - ha ribadito il ministro -, la nostra valutazione su questa materia è sempre di natura sanitaria, sul piano delle scelte di merito, e anche di grande attenzione sul piano della scrittura delle norme. Io penso che questi temi saranno ancora affrontati, ma non vedo nessun elemento di natura politica, c’è solo l’interesse del Paese. Le dinamiche politiche non posso avere spazio, sono troppo piccole rispetto alla posta in gioco. Chiedo a tutti un atteggiamento diverso: non si fa politica sul Covid. E pensare di poter prendere qualche voto su questa materia fa solo male al Paese", ha aggiunto ancora Speranza. 

 

 

Intanto il gruppo telegram Basta dittatura con i suoi 43mila utenti è stato il primo a finire nel mirino della magistratura, ma, mentre le inchieste si allargano ad altri gruppi NoVax, come I guerrieri, al centro di un’indagine della Procura di Milano, la chat funziona ancora regolarmente. "E anche oggi rimaniamo ancora in vigile attesa della chiusura del canale. Questo sequestro non funzionicchia molto bene. Ci stiamo già un po' annoiando", "sequestri che valgono meno della carta igienica", il tenore di alcuni commenti.