Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Le previsioni meteo per il fine settimana: calo delle temperature, forte maltempo in Sardegna

Esplora:

  • a
  • a
  • a

L'estate volge al termine e con essa anche le temperature torride che hanno caratterizzato il mese di agosto. Secondo le previsioni meteo per questo week end, si attendono forti temporali specialmente in Sardegna, alle prese con la coda della stagione turistica, mentre sono diverse le previsioni per il resto del Paese, anche se caratterizzate da un abbassamento generalizzato delle temperature (come in Umbria, dove ci si attende comunque un week end sereno caratterizzato da massime in linea con il trend stagionale, più alte a Terni rispetto a Perugia, e minime più basse nel capoluogo di Regione). A partire da domani un insidioso centro di bassa pressione raggiungerà la Sardegna per poi dirigersi verso il Sud dando vita a un’intensa fase di maltempo.

 

 

Come informa il sito www.iLMeteo.it, la Sardegna sarà raggiunta da precipitazioni molto forti e sotto forma di temporali. Visto il periodo decisamente siccitoso che ha attraversato l’isola, non sono da escludersi delle alluvioni lampo e il terreno potrebbe far molta fatica ad assorbire le precipitazioni previste. E' particolarmente attenzionata la provincia di Sassari. Nel resto della Penisola si attendono annuvolamenti sparsi sui settori ionici con qualche isolato rovescio; gli annuvolamenti nel corso della mattinata si intensificheranno anche nelle aree interne con anche qui isolati rovesci o temporali; tendenza nel corso della mattinata ad aumento della nuvolosità sulla Sicilia a partire di settori occidentali dell’isola con associati deboli piovaschi sparsi. Temperature: minime in lieve diminuzione su aree ioniche, Veneto, Romagna, Friuli Venezia Giulia, Marche, Umbria e Lazio, in aumento sulla Sardegna, senza notevoli variazioni sul resto della penisola. 

 

 

Massime in diminuzione al nord-ovest e Sardegna orientale, stazionarie sul resto del Paese. Si prevedono venti moderati sud orientali sulle due isole maggiori, e localmente anche lungo le aree costiere tirreniche centrali peninsulari. Deboli variabili sul resto del Paese. I mari saranno mossi lungo lo stretto di Sicilia e intorno alla Sardegna; poco mossi gli altri, con moto ondoso in aumento nel Mar Ligure occidentale.