Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, il bollettino di oggi martedì 7 settembre 2021: 4.720 nuovi casi e 71 morti. Tasso di positività 1,5%

  • a
  • a
  • a

Ancora in lieve calo la curva epidemica in Italia secondo i dati del bollettino Covid di oggi, martedì 7 settembre 2021. I nuovi casi sono 4.720, contro i 3.361 di ieri (che però era lunedì, giorno di pochi tamponi) e soprattutto i 5.498 di martedì scorso, a conferma di un trend settimanale che segnala una discesa di oltre il 10%. I test effettuati sono 318.865, ben 184 mila più di ieri, tanto che il tasso di positività scende di un punto secco, dal 2,5% all’1,5%. In aumento invece i decessi, 71 oggi contro i 52 di ieri, per un totale di 129.638 vittime dall’inizio dell’epidemia. Si stabilizzano i ricoveri, con le terapie intensive che sono 7 in meno (ieri -2) con 40 ingressi giornalieri, un quarto dei casi in Puglia, e scendono a 563, mentre i ricoveri ordinari sono 5 in più (ieri +86), 4.307 in tutto. È quanto emerge dal report quotidiano del Ministero della Salute.

 


Il calo nei dati epidemiologici non deve però invitare alla calma, secondo la presidente dei senatori di Forza Italia Anna Maria Bernini. La politica forzista punta il dito contro i Novax evidenzia l'importanza della campagna di vaccinazione: "Non possiamo né dobbiamo assuefarci al bollettino del Covid, il cui numero è tornato a registrare più di 50 decessi al giorno. Dobbiamo invece prendere atto delle fredde statistiche secondo cui nella quasi totalità gli ospedalizzati sono sempre non vaccinati".

 

 

 

Di fronte a questa incontestabile realtà - ha detto la Bernini - il dibattito sulla dittatura sanitaria e sul regime del terrore ha veramente del surreale, perché la battaglia non è ancora vinta. Diamo voce a chi ha vissuto il dramma delle terapie intensive, e che dopo mesi dal contagio non è ancora pienamente guarito, per contrastare la narrazione fortunatamente minoritaria ma comunque pericolosa dei Novax. Gli strumenti del terrore non sono né i vaccini né i Green Pass, ma i negazionisti che li contestano al di fuori di ogni logica".