Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Cingolani: "Allineato con Draghi, non capisco come si possa essere NoVax. Sarebbe utile studiare"

  • a
  • a
  • a

"Non sono esperto di queste cose, mi trovo molto allineato con quello che ha detto il presidente Draghi, non comprendo come si possa essere NoVax". Lo ha detto, a margine del Forum Ambrosetti di Cernobbio, il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani. "Sarebbe utile studiare il periodo tra il 1.700 e il 1.800 come sono nati i vaccini, quanta sperimentazione è stata fatta, adesso se uno li potesse rileggere con un pò di serenità in questo momento secondo me capirebbe".

 

 

In molti, specialmente da sinistra, ultimamente sostengono che alcuni partiti stiano ammiccando ai no vax per attrarne il bacino elettorale. Sul punto, Cingolani ha precisato di essere soltanto un tecnico: "Non ho un partito alle spalle, non ho nessuno alle spalle e non ho poteri forti, tanto è vero che prendo calci da tutte le parti. Il punto è questo: i ministri con cui lavoro quotidianamente, tutti e 25, vi posso garantire che sono li ad ammazzarsi di lavoro e io non ho sentito nessuna posizione contro. Poi - ha detto - che ci sia fuori dal gruppo di governo una dialettica politica credo che sia un pò il gioco della politica e in parte che qualcuno può avere opinioni diverse". 

 

Il fisico e ministro della Transizione ecologica è salito alla ribalta nei giorni scorsi per alcune dichiarazioni favorevoli al nucleare. "Nessuna proposta o esternazione - ha chiarito Cingolani - Parlavo con degli studenti di studi in Francia e altri Paesi su reattori di quarta generazione, che si differenziano da quelli aboliti perché non hanno l’acqua. Sono rimasto un pò meravigliato dal fatto che raccontare una cosa così venga trasformata in una proposta, al momento ci sarebbe poco da proporre perché non c’è la tecnologia".