Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Riapertura stadi, monito di Pregliasco: "Sia progressiva, altrimenti rischio aumenti di contagi come in Inghilterra a Euro 2020"

  • a
  • a
  • a

Riapertura degli stadi, il virologo Fabrizio Pregliasco invita alla cautela sull'aumento di pubblico presente agli incontri. Il tutto per evitare il rischio di aumento dei contagi, come avvenuto in Inghilterra nel corso dei campionati europei di calcio di Euro 2020

 

Come ha evidenziato uno studio inglese "il campionato europeo di calcio e la finale in particolare, hanno determinato un incremento nel numero di casi, questo era ovvio, e prevedibile. Per questo è importante porre massima attenzione alla ripartenza del campionato di calcio italiano, per il quale credo si debba essere progressivi nell’apertura al pubblico negli stadi e valutare qual è l’andamento epidemiologico via via che si evidenzierà in Italia", ha spiegato all’Adnkronos Salute, il virologo dell’università di Milano, commentando i dati di uno studio del Public Health England, citato dal Times, secondo cui circa 2.300 persone presenti alla finale tra Italia-Inghilterra erano "probabilmente già infette", e 3.404 hanno sviluppato il Covid nei giorni successivi all’11 luglio. Un aumento di contagi, dunque, secondo l’esperto, "era ovvio ed evidente, sia legato ai comportamenti che si hanno durante la partita, in cui si fa il tifo, si ride, si gioisce per la propria squadra e si sta a stretto contatto, ma anche per tutto quello che sta intorno, dal viaggio dei tifosi alla loro permanenza, basti pensare all’affollamento nei pub. Da qui l’importanza" di valutare"con grande attenzione le modalità di ripartenza del campionato di calcio italiano".

 

Attualmente gli stadi del Belpaese sono aperti ammettendo il 50 per cento di pubblico e l'accesso può essere fatto solo con il green pass o tampone negativo nelle 48 ore precedenti l'evento. E' presumibile che con il passare delle settimane questo parametro possa essere rivisto alla luce dell'andamento dei contagi, soprattutto in vista dell'avvicinarsi della stagione autunnale e dell'andamento della campagna vaccinale.