Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Bassetti: "Obbligo vaccino a over 40 o a novembre terapie intensive piene"

 L'infettivologo Matteo Bassetti

  • a
  • a
  • a

Il noto virologo Matteo Bassetti delinea uno scenario potenzialmente inquietante in vista della stagione autunalle e della ripresa dei contagi. "Siamo arrivati a un punto in cui il passaggio ulteriore deve essere l’obbligo di vaccino per gli over 40", afferma il direttore della clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova.

 

"Uno Stato serio deve farlo -perché deve domandarsi se noi, che abbiamo il servizio sanitario tra i migliori del mondo, possiamo permetterci dopo ottobre di tornare ad avere ancora le terapie intensive piene di non vaccinati che hanno deciso deliberatamente di non immunizzarsi spendendo per ognuno di questi 50-60mila euro di ricovero quando un vaccino costa 15 euro. Uno degli argomenti dei no-vax - ricorda l’infettivologo del San Martino - è quello che con i vaccini stiamo arricchendo le Big pharma ma non è assolutamente vero, perché le multinazionali del farmaco le arricchisce molto di più un ricovero in ospedale dato che sono quelle che producono i ventilatori polmonari, i cateteri venosi per la rianimazione, i farmaci, gli anestetici e tutto quello che serve per curare. Di quei 60mila euro del costo del ricovero ce ne sono almeno 15 mila che vanno alle grandi aziende farmaceutiche", chiarisce Bassetti.

 

"E uno Stato che ha un servizio sanitario nazionale come è il nostro, che giustamente non fa pagare niente a nessuno - osserva - deve pensare che non può permettersi di avere nuovamente migliaia di ricoveri in terapia intensiva come l’anno scorso. E se arriveremo a novembre-dicembre con tutta questa gente non vaccinata - ammonisce - non dico che avremo i numeri del 2020 ma avremo molta molta gente in rianimazione", conclude.