Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Agenas: "Terapie intensive occupate all'11 per cento in Sicilia e al 10 per cento in Sardegna"

  • a
  • a
  • a

Continua a essere critica la situazione negli ospedali della Sicilia a causa del Covid. Secondo il monitoraggio di Agenas, aggiornato alle 18.24 di giovedì 19 agosto, il tasso di occupazione delle terapie intensive dell’Isola è salito all’11 per cento, quello nei reparti di area non critica al 17 per cento.

 

Percentuali superiori alla soglia critica per la quale è previsto il cambio di colore della regione, anche se almeno per la prossima settimana il passaggio in giallo appare scongiurato. Il tasso italiano è pari al 5 per cento per le terapie intensive, al 6 per cento per l’area non critica. La Sardegna tocca il 10 per cento per le terapie intensive, sale all’11 per cento per i ricoveri ordinari. In Calabria per l’area non critica la percentuale sale al 16 per cento (per le terapie intensive è al 7 per cento). La Basilicata la Campania sono al 9 per cento per i ricoveri ordinari.

 

Il Lazio resta all’8 per cento per i ricoveri ordinari e al 7 per le terapie intensive. Per i ricoveri ordinari segue l’Umbria al 7 per cento, poi Toscana ed Emilia Romagna al 6. Quindi Abruzzo, Puglia, Lombardia, Marche Provincia Autonoma di Bolzano e Val d’Aosta al 5; Liguria, Molise e P.A. di Trento al 4, Veneto al 3, chiudono Friuli Venezia Giulia e Piemonte al 2 per cento.