Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Reggio Emilia: arrestato 40enne ricercato per l'omicidio della moglie in Brasile

  • a
  • a
  • a

Era fuggito dal Brasile, dove nell’agosto del 2007 si sarebbe reso responsabile dell’omicidio della moglie. Il delitto sarebbe stato commesso per  intascare il premio dell’assicurazione sulla vita stipulato dalla consorte. Per questo motivo un cittadino brasiliano 40enne, ricercato a livello internazionale, è stato arrestato ieri sera a Reggio Emilia dai carabinieri della sezione radiomobile della compagnia di Reggio Emilia. L’uomo è stato localizzato in un hotel della città dove soggiornava per motivi turistici con la nuova compagna e i figli. L’arresto è stato reso possibile dopo che l'Interpol ha esteso le ricerche in ambito internazionale per la cattura dell’uomo che in Brasile era colpito, sin dal 5 settembre 2017, da un ordine di cattura emesso dall’Autorità giudiziaria di Cruzeiro do Sul ( Brasile), per il reato di omicidio. 

 

 

Secondo l’accusa, il 40enne nell’agosto del 2007 si sarebbe recato con la moglie nel fiume Igarape Preto dove, in un momento di intimità, l’avrebbe affogata nel fiume. Durante le investigazioni il 40enne era stato trovato in possesso di 190.000 real brasiliani e intendeva ritirare la somma prevista per l’assicurazione sulla vita della moglie ammontante a 800.000 real.

 

 

Dopo la fuga l'uomo era andato in Germania, e poi per motivi turistici, aveva raggiunto l’Italia soggiornando in un hotel di Reggio Emilia dove ieri è stato rintracciato dai carabinieri della sezione radiomobile che, accertata l’identità e verificata in Banca dati l'esistenza del mandato di cattura internazionale a suo carico, lo hanno condotto in caserma. Negli uffici di Corso Cairoli i militari reggiani, per il tramite del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, hanno ricevuto il provvedimento in questione dandone esecuzione con l’arresto provvisorio del 40enne operato ai fini dell’estradizione in Brasile. L’uomo è stato quindi portato in carcere a disposizione delle autorità competenti, che dovranno ora valutarne l’estradizione nel suo paese.