Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Incendi, altra vittima in Calabria: muore pensionato ad Acquaro

  • a
  • a
  • a

Una nuova vittima per gli incendi in Calabria. A perdere la vita è stato un pensionato di 78 anni nel Comune di Acquaro, nel vibonese, il cui corpo è stato trovato carbonizzato. L'uomo sarebbe morto tra le fiamme di un incendio boschivo avvenuto nel proprio fondo agricolo, mentre, presumibilmente, tentava di spegnere l'incendio. Si fa sempre più drammatico, dunque, il bilancio delle vittime che i roghi hanno causato in Calabria. Quello di oggi è il quinto corpo senza vita.

 

 

E nonostante il passaggio della fase più calda delle stagione estiva, il Mezzogiorno resta ancora fortemente a rischio incendi. Anche in Sicilia sono diversi i roghi ancora attivi: tra le giornate di ieri e oggi se ne sono registrati diversi in provincia di Palermo. Tra i comuni interessati Partinico, Balestrate, Alia, Altavilla Milicia, Carini, Altofonte. Nel trapanese, invece i Carabinieri hanno denunciato un 58enne per incendio e danneggiamento aggravato. L’uomo ha appiccato il fuoco ad alcune sterpaglie nei pressi della propria abitazione e poi è andato al bar. Le fiamme alimentate dal vento e dalle alte temperature in pochi attimi hanno interessato i terreni circostanti raggiungendo anche un immobile di una proprietà confinante. Danneggiato irrimediabilmente un fabbricato adibito a deposito di strumenti da lavoro di un’azienda del posto.

 

 

 

Ma non è solo il Sud ad essere minacciato dai roghi: un incendio boschivo interessa dalla tarda serata di ieri le montagne in località Astracaccio, frazione del comune di Bagni di Lucca, in Toscana. Durante la notte squadre di operai e forestali hanno seguito l’evoluzione dell’incendio per individuare e presidiare insediamenti civili che potevano essere minacciati dalle fiamme. Alle prime luci dell’alba, due elicotteri del sistema regionale antincendio si sono alzati in volo per iniziare le operazioni di spegnimento. A terra le squadre di operai e forestali stanno contenendo le fiamme con molta difficoltà a causa delle pendenze, in alcuni punti proibitive.