Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Condannato per mafia beccato dalla Finanza: ha intascato fondi dall'Europa per 47.000 euro

  • a
  • a
  • a

Prendeva soldi dai fondi europei nonostante una condanna per mafia. Si può dire incredibile, ma vero. Gli uomini della guardia di finanza di Partinico, in Sicilia, hanno così individuato un indebito percettore di provvidenze pubbliche che ha intascato illecitamente oltre 47 mila euro erogati nell’ambito del Fondo Europeo Agricolo di Garanzia (Feaga) e del Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale (Feasr) per le campagne 2015, 2016 e 2017.

 

 

In particolare, le fiamme gialle hanno accertato che il responsabile, nonostante fosse stato condannato per associazione a delinquere di stampo mafioso, aveva richiesto e ottenuto i contributi pubblici omettendo di dichiarare la condanna irrevocabile decretata dal Tribunale di Palermo, contravvenendo, quindi, ai divieti stabiliti dall’articolo 67 del Codice Antimafia. L’uomo - già sottoposto alla misura della sorveglianza speciale - oltre ad essere stato condannato in via definitiva per associazione mafiosa per aver ricoperto posizioni di vertice all’interno del mandamento mafioso di Partinico, risulta essere stato coinvolto in ulteriori vicende penali per traffico di sostanze stupefacenti, reati ambientali e per emissione di assegni a vuoto. Pertanto è stato segnalato alla Procura della Repubblica di Palermo che, sulla scorta del quadro probatorio delineato dai finanzieri, ha disposto il sequestro preventivo finalizzato alla confisca "per equivalente" delle somme di denaro percepite indebitamente.

 

 

"L’attività di servizio, conferma il ruolo di polizia economico finanziaria affidato al Corpo della Guardia di Finanza, a contrasto delle illecite condotte di coloro i quali, accedendo indebitamente a prestazioni assistenziali erogate dallo Stato, sottraggono importanti risorse economiche destinate a favore di persone e famiglie che si trovano effettivamente in condizioni di disagio", si legge in una nota delle Fiamme gialle.