Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Green Pass a scuola, il ministro Patrizio Bianchi: "Strumento di tutela, non punitivo"

  • a
  • a
  • a

"Il Green Pass è uno strumento a tutela della salute di tutti, in particolare dei più fragili, non una misura punitiva. Ringrazio il personale scolastico che ha aderito con percentuali molto alte alla campagna vaccinale mostrando grande serietà e responsabilità. La vaccinazione è un elemento fondamentale per il rientro a scuola in sicurezza e in presenza". Lo ha scritto il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, nel primo post su Facebook. 

 

 

 

"Accompagneremo le scuole nell’applicazione delle misure - prosegue la nota - metteremo a disposizione un help desk, prepareremo insieme la riapertura. Quest’anno è stata autorizzata l’assunzione non solo di migliaia di docenti, ma anche di 12.193 unità di personale Ata. Altro personale per il recupero degli apprendimenti e per l’emergenza sarà assegnato grazie ai fondi del sostegni bis. La riapertura in presenza e in sicurezza è davvero l’obiettivo di tutto il Governo". 

 

 

 

E sui temi relativi alla scuola e alla certificazione verde si è espressa anche la senatrice forzista Anna Maria Bernini in una nota: "I sindacati sostengono che il Green Pass per il personale scolastico è una decisione unilaterale del governo che alimenta tensioni. Il decreto può essere migliorato, ma non è immaginabile una concertazione che possa eludere ogni basilare principio di precauzione" si legge. "In gioco c’è infatti la sicurezza degli studenti, che nella fascia 12-18 anni dal 16 agosto potranno vaccinarsi senza prenotazione, e c’è anche la salvaguardia di un anno scolastico finalmente in presenza" prosegue Bernini, specificando che "può e deve essere rivista, invece, la norma che prevede sanzioni ai presidi, i quali per assolvere ai compiti sempre più gravosi che gli vengono richiesti devono poter contare su adeguate risorse umane. In questo senso, i 358 milioni stanziati per i supplenti che dovranno sostituire gli assenti no vax ingiustificati possono già essere considerati insufficienti".