Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Jacobs e Tamberi, festa a Casa Italia: Malagò, Zaytsev e Pellegrini scatenati

  • a
  • a
  • a

Una giornata memorabile per lo sport italiano, tra le più belle di sempre, trasforma Casa Italia in una bolgia. Marcell Jacobs e Gianmarco Tamberi hanno ottenuto due ori storici (nei 100 metri piani e nel salto in alto) e tutta la Nazionale ha festeggiato con in testa Giovanni Malagò, presidente del Coni. "Azzurro" di Celentano e "Musica leggerissima" di Colapesce e Dimartino le canzoni più gettonate, ma anche il "popopopopopo" del Mondiale 2006 ha riecchegiato forte.

 

 

Nella notte giapponese, poco prima delle tre, Jacobs e Tamberi sono arrivati al Villaggio olimpico e sono stati accolti dall'ovazione dei loro connazionali. C'erano praticamente tutti, a partire dal capo missione ai Giochi Carlo Mornati. Tanti gli atleti azzurri presenti, tra i quali molti delle nazionali di basket e pallavolo, che hanno abbracciato i due medagliati e hanno scattato foto. L'abbraccio più prolungato è stato quello col pallavolista Zaytsev, definito "commovente" da chi c'era. Tamberi e Jacobs, che non avevano ancora cenato, sono stati portati alla mensa del Villaggio e lì è scattata un’altra standing ovation. I due atleti sono poi tornati nelle loro stanze, ma alle 6 di Tokyo erano ancora svegli e per smaltire l'adrenalina postavano sui social le loro emozioni. “Sono le 6 di mattina e ho paura di andare a dormire... non voglio svegliarmi da questo sogno che sembra cosi tanto realtà!", ha scritto Tamberi in un post pubblicato su Instagram. Notte insonne anche per Jacobs, che sui social ha ripostato molti dei messaggi di esultanza dei tifosi italiani: “Siete incredibili! Ho sentito tutto il vostro supporto! Promesso che piano piano risponderò a tutti”, ha scritto. 

 

 

La festa a Casa Italia ha visto trenini, scatenatissima Federica Pellegrini, spumante, brindisi, sventolio di tricolori e tante urla di gioia per una doppia impresa davvero unica e straordinaria per lo sport italiano. Due successi destinati a restare nella storia.