Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Droga, maxi sequestro a Torino e Ragusa: trovati 67 kg di cocaina e hashish a alto potenziale

  • a
  • a
  • a

Un duro colpo per il narcotraffico. Tre persone - due uomini di 40 e 45 anni, originari della Repubblica Dominicana e una donna, colombiana, di 36 - sono state arrestate dai finanzieri del Comando Provinciale di Catania, nell’ambito di due simultanei interventi di contrasto del traffico internazionale di droga, avvenuti a Torino e Ragusa. L’intervento delle Fiamme Gialle ha portato al maxi sequestro di 67 chili di cocaina e hashish ad alto potenziale stupefacente.

 

 

Le indagini, avviate dopo alcune operazioni "sospette", hanno permesso agli investigatori di appurare l'esistenza di  un traffico internazionale di sostanze stupefacenti, che dalla Spagna riforniva Nord Italia e Sicilia. Nel corso del primo intervento a Torino, è stato perquisito un van con targa spagnola, proveniente da Madrid, condotto da M.C., 40enne dominicano, che ha da subito cominciato a innervosirsi alimentando i sospetti degli agenti, che in un doppio fondo hanno poi trovato 13 chili di cocaina. Sempre a Torino, dopo un movimentato inseguimento in centro città, è stata fermata un'auto, anche questa condotta da un dominicano, W.H.C., di 45 anni. Nello zaino dell'uomo, contenuto nel vano della vettura, è stato trovato oltre un chilo di cocaina.
Dal Piemonte giù fino in Sicilia. L'attività di indagine ha portato gli inquirenti a individuare un’abitazione a Comiso, in provincia di Ragusa, di proprietà della moglie di uno dei due arrestati nel doppio blitz di Torino. La donna nascondeva nel doppio fondo di un’auto parcheggiata nel garage dell’abitazione, 53 chili di hashish ad alto potenziale. I tre sono stati arrestati in flagranza di reato per traffico e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

 


La lotta al narcotraffico, che richiede una costante e rapidissima evoluzione,  ora sembra essere particolarmente impegnata nell'individuare i tantissimi "micro-corrieri" di sostanze stupefacenti, che riescono abbastanza agilmente a muoversi all'interno dello spazio Schengen.