Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

L'indagine: 8 italiani su 10 cercano informazioni sui vaccini. Crollo di fiducia nei social network

Secondo alcuni studi, la vaccinazione antinfluenzale mitiga le forme aggressive di Covid

  • a
  • a
  • a

Circa l'80% degli italiani è in cerca di maggiori informazioni sui vaccini, questo evidenzia l'indagine SWG "Termometro Influenza", condotta con il supporto di Seqirus, nata proprio con l’obiettivo di fare chiarezza su un tema controverso e promuovere le campagne di immunizzazione. I trend che emergono dall'intervista sono rassicuranti: gli italiani si affidano sempre più agli esperti, e rivalutano in positivo il valore dei vaccini. Dalla ricerca è emersa anche l'importanza della figura del medico di famiglia, seguito dal farmacista, per prendere le giuste scelte. Cresce anche la propensione a proteggersi nei confronti dell’influenza: la prossima stagione continuerà a essere caratterizzata dalla coesistenza con il Covid e un adeguato sistema di difesa dai virus stagionali è un valido aiuto per alleggerire il sistema sanitario. E si moltiplicano gli studi secondo cui la vaccinazione antinfluenzale contribuirebbe a mitigare le forme più aggressive di Covid, velocizzando il decorso favorevole della malattia.

 

 


I risultati evidenziano che oltre l’80% degli intervistati considera fondamentale avere più informazioni sui vaccini, nell’ambito di una percezione sempre più positiva del valore di questi strumenti di prevenzione. "L’indagine è stata condotta su un campione di 2523 cittadini maggiorenni rappresentativo della popolazione per genere, età, area geografica e ampiezza del comune di residenza" ha dichiarato Riccardo Grassi, Direttore di Ricerca SWG.

 

 


In questa continua ricerca di dati cresce la fiducia nelle informazioni che giungono da fonti "affidabili".  L'89% delle persone intervistate, riguardo la profilassi dell'influenza, individua il medico di base come "guida" per la scelta, seguito dalle Istituzioni sanitarie (83%) e dal farmacista (81%).  Crollano invece i social network come punto informativo sul tema: meno di un italiano su 4 si fiderebbe di informazioni pescate nelle varie piattaforme di condivisione. 

 

 

 

"Siamo felici di aver supportato la nascita di questo interessante progetto di analisi volto a fare chiarezza e promuovere le campagne di immunizzazione - ha affermato Maura Cambiaggi, General Manager di Seqirus Italia - In un contesto ancora guidato dall’incertezza sulla circolazione dei virus, siamo più che mai impegnati nella nostra missione, quella di proteggere quante più persone possibili dall’influenza stagionale"