Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

"Vota solo chi ha il Green Pass": prima la bomba, poi la smentita

Le insistenti voci di corridoio sulla previsione shock del Governo sono state smentite da fonti di Palazzo Chigi

  • a
  • a
  • a

Rumors circolati con insistenza a Palazzo Chigi sin da ieri pomeriggio, e poi smentiti da fonti governative: secondo Il Tempo, il premier Draghi avrebbe tenuto in serbo una autentica "bomba atomica" dopo l'introduzione del Green Pass per poter compiere una vasta gamma di attività quotidiane, fra cui l'ingresso nei ristoranti e al cinema e per gli spostamenti in aereo, traghetto e treno. La "bomba" in questione sarebbe l'obbligo di Green Pass per poter votare

 

 

"C’è però un terzo atto - si legge nel quotidiano romano - che sta facendo impazzire alcuni giuristi: rendere obbligatoria la certificazione per accedere ai seggi elettorali. Una mossa che da Palazzo Chigi qualcuno sta spifferando da ieri pomeriggio, definendola come l’atomica di Draghi. Una parziale anticipazione l’ha già fornita il segretario del Pd Enrico Letta, che vuole in lista solo candidati vaccinati. Dall’elettorato passivo a quello attivo però il cammino è breve".  L'introduzione di una misura così pervasiva scatenerebbe senz'altro una lunga serie di problemi, sia di fattibilità giuridica che di gradimento popolare, rinfocolando le polemiche sulle recenti misure anti contagio.

 

 

Continua Il Tempo: "Quello di andare a votare solo con il pass 'pone seri rischi di incostituzionalità', afferma un professore universitario che si sta occupando del tema, 'perché il diritto al voto non può essere limitato da nessuno.' " Intervistato dal quotidiano, l'accademico elenca tutti i dubbi:  "C’è una corrente di pensiero che vuol bypassare il problema facendo entrare nelle scuole solo i vaccinati, e quindi toccherebbe allestire dei seggi all’aperto, fuori dagli istituti, dedicati ai no vax. Questo però non garantirebbe la segretezza del voto, sarebbe una schedatura: aprendo quelle urne si conoscerebbero esattamente le tendenze politiche dei non vaccinati." 

 


Ma quello che sarebbe stato un autentico terremoto politico sembra essere rientrato, almeno per ora. Lo stesso quotidiano, infatti, ha poi riportato la dichiarazione sul tema di alcune fonti di Palazzo Chigi: "Sono prive di fondamento le ricostruzioni relative all’intenzione del governo di rendere obbligatoria la certificazione Green pass per accedere ai seggi elettorali". L'ennesima querelle su un tema estremamente divisivo è stata dunque evitata.