Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Meteo, weekend infuocato: le città da bollino rosso, Perugia la più calda d'Italia

  • a
  • a
  • a

Il meteo non dà tregua gli italiani. Il weekend che sta per iniziare sarà davvero di fuoco per molte città. Bollino rosso a Perugia, la città più calda d'Italia nel fine settimana a cui si aggiungo altre 8 città con bollino arancione. Questo il bollettino del ministero della Salute sulle ondate di calore per il fine settimana che si è aperto venerdì, e che prende in esame 27 centri urbani.

 

 

Dunque, a parte l'allerta caldo a Perugia dove sono previsti dai 36 ai 40 gradi, sabato e domenica bollino arancione (che sta a indicare il rischio caldo per la salute della popolazione più suscettibile) a Bologna, Firenze, Frosinone, Rieti e Roma. Per la giornata di domenica si aggiungono, sempre con livello arancione, Campobasso, Latina e Pescara.

 

 

So tratta della terza ondata di caldo dell’estate: nel weekend l’anticiclone africano porterà sull’Italia la sua massa di aria rovente che investirà principalmente il centro-sud e le isole. Più ai margini invece il nord, dove nel fine settimana tornerà il rischio di temporali anche in pianura "L’anticiclone africano inizia ad espandersi sopra il Mediterraneo occidentale assicurando condizioni di tempo stabile sulla maggioranza delle regioni. Le temperature - affermano i meteorologi di IconaMeteo.it - nel corso dei prossimi giorni tenderanno ad aumentare in quasi tutta l’Italia e prenderà quindi il via la terza forte ondata di calore della stagione.Un’eccezione a questo quadro sarà costituita dall’estremo Nord-Ovest che sarà influenzato già da sabato pomeriggio da una perturbazione in avvicinamento dalla Francia (la sesta del mese di luglio). All’inizio della prossima settimana la perturbazione avanzerà più decisamente sull’Italia settentrionale, dove potranno svilupparsi temporali anche di forte intensità: il caldo intenso inizierà ad attenuarsi al Centro e sulla Sardegna, mentre il Sud dovrà sopportare temperature molto elevate anche nei giorni successivi".