Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Figliuolo: "Boom prenotazioni vaccini, da +15% a +200%"

 Il generale Figliuolo

  • a
  • a
  • a

Il Green Pass mette il turbo alle prenotazioni dei vaccini. "Oggi abbiamo registrato un incremento delle prenotazioni che va da un +15 a un +200 per cento, in base alle Regioni" ha affermato in merito alla campagna vaccinale il commissario straordinario per l’emergenza Covid, Francesco Paolo Figliuolo, in una intervista al Tg5. Sono circa 150mila le vaccinazioni richieste in tutta Italia "Noi stiamo andando a 500.000 vaccinazioni al giorno, la macchina viaggia quasi al 100 per cento", ha proseguito Figliuolo.

 

 

Nel Lazio, alle 17 di venerdì sono 55 mila i nuovi appuntamenti fissati e secondo l’assessore alla sanità Alessio D’Amato "con questo ritmo la regione supererà l’80%". Il presidente della regione Veneto Luca Zaia parla di "assalto" alle vaccinazioni e aggiunge che "il tema oggi è se siamo in grado di garantire i sieri per tutti". L’obiettivo di incoraggiare quanto più possibile la campagna anti-Covid, sembra centrato grazie alle nuove regole sul green pass che limitano l’accesso a molti servizi, specialmente al chiuso, per i non immunizzati. In Italia sono oltre 64 milioni le dosi somministrate dal 27 dicembre scorso, e quasi 30 milioni le persone che hanno completato il ciclo anti-Covid. Il difficile viene adesso che è necessario convincere gli indecisi, tra i quali ce ne sono circa 4 milioni tra i 50 e i 79 anni, senza neanche la prima dose.

 

 


Resta aperto il fronte scuola, sul quale il premier Mario Draghi ha assicurato che il governo deciderà in tempi rapidi: l’obiettivo dell’esecutivo è tornare alle lezioni in presenza "senza se e senza ma", ma resta ancora un 15% di insegnanti non vaccinato e le distanze tra le regioni sono abissali. Se Campania e Friuli Venezia Giulia hanno completato le immunizzazioni dei docenti, in Sicilia, 60mila (il 43%) non hanno neanche iniziato i ciclo vaccinale. Al rientro in classe manca poco più di un mese e l’esecutivo dovrà decidere in tempi rapidi sull’ipotesi dell’obbligo vaccinale per il personale scolastico. Anche su questo le distanze in maggioranza sono siderali, tra chi lo vedrebbe di buon occhio e chi, come Lega e M5S, dice no.