Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Voghera, Salvini difende Adriatici: "Normale girare con una pistola"

  • a
  • a
  • a

Il leader della Lega, Matteo Salvini, è tornato a parlare sui fatti di Voghera, dopo l'arresto dell'assessore Massimo Adriatici per l'uccisione di un marocchino in piazza.

 

 

"Mi ha spinto ed è partito un colpo", ha detto lo stesso assessore. Salvini ha difeso Adriatici: "Normale girare con una pistola se si ha regolare porto d'armi", ha affermato. "Se lo hanno 1.300.000 italiani, certificati da questure e prefetture, allora sì, è normale", ha ribadito il segretario della Lega ad Agorà Estate, su Rai3, nella puntata di giovedì 22 luglio. "La domanda è bizzarra - ha poi commentato Salvini - se uno ha il porto d’armi è assolutamente normale. Lasciamo che la magistratura, Polizia e Carabinieri facciano le indagini. Da quello che emerge chi si è difeso ha agito avendo davanti un soggetto pregiudicato, clandestino, noto per violenze, aggressioni e atti osceni in luogo pubblico. Non sta a me giudicare, lasciamo che le indagini vadano avanti".

 

 

"Naturalmente quando c’è un morto è sempre una sconfitta - ha proseguito Salvini - è sempre un momento di lutto, di preghiera e riflessione però, prima di giudicare o condannare, bisogna andarci molto cauti. Chi ha reagito è un docente universitario di diritto penale e istruttore di forze di Polizia, avvocato penalista noto e stimato a Voghera, quindi non penso che Voghera si sia trasformata nel Far West", ha concluso Salvini.