Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, Oms: "Pandemia peggiora ovunque, con variante delta nuovo picco di casi"

  • a
  • a
  • a

Covid, nuovo allarme dell'Oms: "La pandemia peggiora, dobbiamo estinguere l'incendio ovunque". E ancora: "La variante delta è presente in 104 Paesi e sarà protagonista di un nuovo picco dei casi". 

 

"È decisamente peggio in luoghi che hanno pochissimi vaccini, ma la pandemia di Covid non è finita da nessuna parte. Anche i Paesi che sono riusciti a scongiurare con successo le prime ondate del virus, solo attraverso misure di sanità pubblica, sono ora nel mezzo di epidemie devastanti". È il monito che ha voluto ribadire il direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus, durante la consueta conferenza stampa per fare il punto sull’epidemia di coronavirus nel mondo. "L’attuale strategia collettiva mi ricorda una squadra di vigili del fuoco che affronta un incendio nella foresta. Lasciare una parte" di questo rogo ancora attiva potrebbe portare a "ridurre le fiamme in un’area, ma mentre sta covando ovunque, e le scintille alla fine viaggeranno e cresceranno di nuovo" trasformandosi "in una fornace ruggente", ha evidenziato il direttore generale dell'Oms.

 

"Migliaia di persone muoiono ancora ogni giorno e questo merita un intervento urgente", ha aggiunto, annunciando: "Discuterò il peggioramento della situazione mercoledì alla riunione del comitato di emergenza del Regolamento sanitario internazionale (Ihr)". Poi un nuovo monito: "Il divario globale nella fornitura di vaccini è estremamente irregolare e iniquo. Alcuni Paesi e regioni stanno ordinando milioni di dosi di richiamo, prima che altri abbiano avuto forniture per i loro operatori sanitari e le persone più vulnerabili. Moderna e Pfizer invece di dare priorità alla fornitura di richiami ai Paesi le cui popolazioni hanno una copertura relativamente alta, abbiamo bisogno che facciano tutto il possibile per incanalare la fornitura a Covax, Africa Vaccine Acquisition Task Team e ai Paesi a reddito medio-basso, che hanno copertura vaccinale molto bassa", ha concluso.