Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La Nazionale atterrata a Fiumicino, Chiellini alza la coppa: alle 17 azzurri da Mattarella

  • a
  • a
  • a

La Nazionale italiana appena laureatasi campione d'Europa a Wembley superando ai calci di rigore l'Inghilterra, è tornato in Italia. Alle primi luci dell'alba, poco dopo le 7, l'aereo Alitalia è atterrato all'aeroporto di Fiumicino. A uscire da velivolo con la coppa in mano è stato il capitano Giorgio Chiellini insieme al ct Roberto Mancini e al presidente della Federcalcio Gabriele Gravina. Circa duecento tifosi hanno atteso i tifosi e festeggiato gli azzurri con Chiellini che ha alzato la coppa indossando anche una corona. L'Italia ha raggiunto l'hotel Parco dei Principi a Roma per qualche ora di riposo, alle 14 è stato fissato il pranzo per tutta la squadra poi via al cerimoniale.

 

 

Il programma poi prevede una serie di incontri istituzionali e - probabilmente anche una festa - ma molti particolari della giornata sono in fase di allestimento. Nel pomeriggio l’Italia di Mancini sarà ricevuta al Quirinale dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e a seguire a palazzo Chigi dal premier Mario Draghi. Poi si valuta come festeggiare con i tifosi il trionfo ai campionati Europei tenendo in considerazione le restrizioni anti Covid. Probabile una sfilata per le vie di Roma con un bus scoperto in serata.

 

 

Gli azzurri atterrati a Fiumicino sono stati accolti da applausi e cori di decine di operatori aeroportuali che si sono radunati sotto il velivolo e hanno applaudito lungamente la nazionale fresca vincitrice dell’europeo. Seguendo la tradizione iniziata da Fabio Cannavaro, il capitano Chiellini ha dormito con la Coppa dell’Europeo. Una notte di gioia quella degli azzurri a Londra che dopo i festeggiamenti in campo, le interviste di rito e un'altra appendice di festeggiamenti nello spogliatoio, ha raggiunto l'aereo per tornare in Italia. Poi il diluvio di tweet e post sui social a raccontare una notte indimenticabile che ha trasformato un gruppo di bravi ragazzi in campioni d'Europa, 53 anni dopo l'unica volta.