Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Variante Delta, Ciciliano (Cts): "In Italia è al 22,7%, in Inghilterra al 99%. Preoccupato per partite di Euro 2020 a Londra"

  • a
  • a
  • a

I rischi da contagio a causa della variante Delta del Covid preoccupano Fabio Ciciliano, uno dei componenti del comitato tecnico scientifico (Cts).

 

In un'intervista al Corriere della sera, Ciciliano ha spiegato: "In Inghilterra, l’ex variante indiana sostiene ormai il 99 per cento delle positività con un importante incremento dei numeri che ha fatto registrare punte di quasi 28 mila nuovi casi. In Spagna la situazione è un pò diversa. In Italia, al momento, è ancora registrata una maggiore prevalenza della variante Alfa (inglese) anche se circa il 22,7 per cento dei casi di positività al Covid  sono sostenuti dalla Delta che, a causa della sua più elevata trasmissibilità, si stima sostituisca nel giro di qualche settimana l’Alfa. Il dato positivo è che, anche grazie alle azioni messe in campo per il contenimento del contagio e alla massiccia campagna vaccinale nazionale, la circolazione virale è a oggi molto bassa, con un’incidenza settimanale inferiore a 10 casi per 100mimila abitanti".

 

Da qui la preoccupazione per le tre prossime partite della fase finale di Euro 2020, che si svolgeranno tutte a Londra. "A Wembley pensare di poter rivivere gli effetti di un’altra Atalanta-Valencia mi preoccupa non poco, non solo per le ripercussioni in Italia", ha detto Ciciliano. Intanto sono 53.203.327 i vaccini anti Covid somministrati nel nostro Paese, il 90,3 per cento delle dosi finora consegnate, pari a 58.924.814 (41.013.301 Pfizer/BioNTech, 10.415.955 Vaxzevria (AstraZeneca), 5.449.051 di Moderna e 2.046.507 di Johnson & Johnson), mentre ammonta a 19.826.856 (il 36,71 per cento della popolazione over 12) il totale delle persone che hanno completato il ciclo vaccinale. Per quanto riguarda la suddivisione territoriale, in testa in termini di dosi somministrate c’è la Lombardia con 9.328.412 (il 93 per cento delle dosi consegnate), seguita da Lazio con 5.388.082 (90,3 per cento) e Campania con 5.140.712 (90 per cento).