Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Variante Delta, "vaccinare i giovani per contrastarla". L'esperto: cambiare strategia

  • a
  • a
  • a

La variante Delta preoccupa e gli esperti si interrogano.  Soprattutto sulla strategia per contrastare la sua avanzata che è inesorabile anche in Italia secondo gli ultimi dati.

 

 

"Se l’Europa intende contrastare la naturale diffusione e progressione della variante Delta, la strategia è vaccinare i giovani a ciclo completo il più rapidamente possibile", afferma ad. Adnkronos Salute il virologo Francesco Menichetti, primario di Malattie infettive dell’ospedale di Pisa, commentando i dati che vedono aumentare la prevalenza della variante ’indiana' di Sars-CoV-2 in Italia, salita al settimana al 22,7%. "Abbiamo un dato che ci descrive una situazione in crescendo" in Italia, dove la variante "è già presente in 16 delle 23 regioni. E seguendo modelli matematici - afferma Menichetti - anche semplicemente ispirandosi a quello che è successo nel Regno Unito, considerando la maggiore diffusibilità della variante Delta rispetto alla variante Alfa, si può stimare che in un paio di mesi la Delta divenga la variante prevalente anche in Italia. Questo è lo scenario da considerare."

 

 

 

Tuttavia, rileva il virologo, "non abbiamo la percezione che la variante Delta provochi una malattia Covid più grave. Non pare avere ancora impatto sull’ospedalizzazione o sulle terapie intensive e questo - spiega Menichetti - è legato al fatto che è largamente diffusa tra i giovani e si diffonde bene tra i giovani non vaccinati". Oltre alla necessità di vaccinare,"si conferma la necessità - conclude - di non abbandonare i buoni comportamenti di prevenzione: distanza, aria aperta, mascherina pronta in tasca da usare alla bisogna e ancora molta cautela".  Insomma, la guardia sempre alta, assieme a una stretegia di vaccinazione che, come suggerisce l'esperto, dovrebbe cambiare in questa fase della campagna.