Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Stasera in tv, 30 giugno, Chi l'ha visto? su Rai3: nuovi video su Denise Pipitone e il mistero di un numero di telefono

  • a
  • a
  • a

Stasera in tv, mercoledì 30 giugno 2021, torna l'appuntamento con Chi l'ha visto? - lo storico programma di Rai3 che dedicato alla ricerca di persone scomparse e ai misteri ancora insoluti, con ricostruzioni filmate e la possibilità di telefonare in diretta - con Federica Sciarelli alla conduzione (dalle ore 21,20). Nella puntata di oggi si torna sul caso di cronaca di cui si sta discutendo nelle ultime settimane, quello di Saman Abbas, la ragazza che voleva solo stare con il suo fidanzato, ma che sarebbe stata uccisa dalla sua stessa famiglia per aver rifiutato un matrimonio combinato. La trasmissione ospita un’intervista al fidanzato di Saman che ha anche detto “non mi importa niente della mia vita, possono anche uccidermi”.

 

 

Si parla poi della scomparsa della ginecologa Sara Pedri, dopo gli appelli fatti in trasmissione si è aperta un’indagine per capire cosa possa essere successo alla donna che lavorava all’ospedale di Trento. Poi l'atteso aggiornamento sul caso di Denise Pipitone: perché la sorellastra, Jessica Pulizzi, diede agli inquirenti un numero di telefono che non usava più? Chi l'ha visto? manda in onda il video in cui si sente cosa rispose al processo in cui fu assolta. 

 

 

Spazio poi ad altri casi. A iniziare da quello di Carlotta Benusiglio: il Pm chiede nuova perizia sulle cause della morte della stilista milanese trovata impiccata a un albero. La difesa del fidanzato si oppone, "elementi già chiari, fu suicidio". Il 6 luglio l'udienza preliminare per lui, accusato di omicidio volontario. Aperto il processo ad Andrea Pinna a Cagliari per l’omicidio volontario premeditato di Fabio Serventi. "Vorrei poter ritrovare il suo corpo": l'appello della mamma del giovane scomparso il 21 marzo 2020. Dj Navi: “Nostro figlio non si è suicidato”. I genitori del deejay contro richiesta di archiviazione della procura di Lecce, attesa decisione del gip. Lettera anche a Mattarella: “Vogliamo solo verità e giustizia convinti che solo Lei possa garantire”.